Il Trekking del Lupo, un itinerario di grande bellezza nel Piemonte

Trekking del Lupo
Trekking del Lupo

Un percorso da fare con tutta la famiglia? Un’esperienza che sia adatta anche ai bambini? Il Trekking del Lupo nel Parco delle Alpi Marittime vi aspetta!

Il Trekking del Lupo, definito comunemente percorso ad anello, attraversa ben due stati, Italia e Francia e altrettanti grandi parchi: quello delle Alpi Marittime e quello del Mercantour all’insegna di paesaggi davvero spettacolari ed itinerari d’eccezione sulle tracce del lupo. Ebbene si, avete capito bene, durante questo percorso ci sarà la possibilità di esplorare da vicino i luoghi dove il lupo vive e seguire le sue orme.

Questi, infatti, sono posti in cui i lupi non sono stati reintrodotti dall’uomo ma si sono ripopolati, dopo anni dalla loro scomparsa, in modo naturale in quanto, verso l’inizio degli anni Novanta si erano ricreate, nuovamente, le condizioni ambientali adatte per la vita del grande predatore. Così il lupo è ritornato a vivere, in piccoli branchi, nelle vallate alpine lungo i sentieri di questi due parchi naturali.

Ma il lupo si incontra per davvero durante il trekking? Durante il percorso i lupi ci sono ma non si vedono. Il grande predatore riesce a percepire l’avvicinarsi dell’uomo da quando lui è ancora molto lontano, ha un fiuto potentissimo che gli permette di nascondersi con tempo prima del vostro passaggio.

Ma niente paura, non sarà certo una delusione per i bambini che potranno ammirare il tanto ricercato lupo nei centri faunistici di Entracque e di Le Boréon, inseriti all’interno del percorso, dove i lupi saranno vicini e si potranno osservare in totale sicurezza. Inoltre, a vostra disposizione tante informazioni interattive per scoprire tutto sulla vita del lupo, sulla sua storia e su i suoi comportamenti, di cui sicuramente i bambini rimarranno affascinati. Si avrà la possibilità di incontrare ed avvicinare anche altre specie animali come camosci, stambecchi, marmotte e rapaci di diversa razza. Davvero un tour tra flora e fauna, camminando ed esplorando le meraviglie del Piemonte.

Informazioni utili

Lunghezza 75 chilometri
Durata 2-3 giorni
Principali punti attraversati San Giacomo di Entracque, Piazzale dei Cannoni, Passo di Peirastretta
Livello di difficoltà Medio-Alto
Dislivello Tra i 600 e i 1000 metri
Tipologia di itinerario Trekking
Partenza e arrivo San Giacomo di Entracque – Piano del Praiet

Trekking del Lupo: un itinerario a misura di famiglia

Il trekking del Lupo è un percorso molto lungo, che nella sua interezza si muove per circa 75 km a cavallo tra Francia e Italia, toccando così paesaggi eterogenei ma tutti suggestivi tra laghi, foreste, cascate, valicando 5 colli straordinari e toccando i 2400 metri di altitudine all’insegna di una natura vergine ed incontaminata. E ancora, questo percorso offre la possibilità di affrontare itinerari diversi, divisi in 10 tappe, con sentieri e difficoltà diverse.

È stata redatta anche una guida che illustra con precisione tutte le tappe in cui il Trekking del Lupo è suddiviso ma naturalmente è possibile variarlo a seconda delle proprie necessità e capacità fisiche. Inoltre, questo trekking offre la possibilità di solcare le strade fatte costruire nella seconda metà dell’ottocento direttamente dal re Vittorio Emanuele II per le sue battute di caccia, le famose e caratteristiche Strade di Caccia Reali.

Solitamente la partenza inizia nel nostro Paese, precisamente da San Giacomo di Entracque, località nel Parco della Alpi Marittime per poi concludersi, interamente, in Francia. Un trekking tour che ha la particolarità  di aprirsi e chiudersi con la visita di due centri faunistici specializzati (citati prima).

È un percorso che può essere affrontato come da veri trekker in autosufficienza e quindi soggiornando in tenda, oppure è anche possibile fermarsi per la notte nei vari rifugi che si incontrano durante il percorso e al termine di ogni tappa.

In generale il percorso non è faticoso ed impegnativo ed anche per questo è considerato a misura di famiglia, quasi tutte le tappe, infatti, sono indicate anche per i bambini. Il dislivello da affrontare non è eccessivo considerando che parliamo comunque di un trekking di montagna: tra gli 800 ed i 600 metri nella media, a parte qualche tappa che ne propone 1000.

Trekking del Lupo: l’itinerario italiano

Trekking del Lupo, il grande predatore

Da San Giacomo di Entracque, intorno ai 1000 metri, dopo la visita del centro faunistico, inizia il vero trekking iniziando a salire di quota tra stradine sterrate di montagna in mezzo ai boschi di faggi, ammirando lo scorrere impetuoso del torrente Gesso della Barra che, in alcuni punti, forma vere e proprie rapide. Pian piano i faggi si diradano per lasciare spazio ad un’ampia e verdeggiante vallata, attenzione e aguzzate bene la vista perché qui incontrare camosci e marmotte al pascolo non è affatto raro.

Pian piano si acquista quota superando il Piazzale dei Cannoni (1433 metri) e poi il Passo di Peirastretta (1650 metri), ed il paesaggio diventa sempre più scarno e brullo, punteggiato soprattutto da rocce. Si affrontano un po’ di tornanti sassosi fino a raggiungere il rifugio Soria-Ellena ad oltre 1800 metri di altezza. Qui si conclude ufficialmente la prima tappa: senza troppe difficoltà tecniche ed in breve tempo si arriva ad un’altezza considerevole. Questa prima tappa è adatta anche per essere fatta nel pomeriggio, dedicando la mattina alla visita del centro faunistico.

L’itinerario italiano finisce qui, con una prima tappa che riesce a ben accontentare tutti. Un soggiorno nel rifugio o in tenda che vi darà la possibilità di godere ampiamente della bellezza del Piano del Praiet. Trascorsa la notte sta a voi decidere se proseguire verso le tappe successive che vi porteranno a solcare il terreno francese oppure ritornare indietro.

Commenti

Avatar

Francesca Bloise