Una semplice passeggiata in Piemonte per ammirare lo spettacolo del foliage tra sentieri storici e larici secolari

Annalisa Porporato e Franco Voglino  | 09 Nov 2023

In Val Chisone, facile escursione tra i larici che accompagnano la Via dei Romani, sentiero che collega alcune delle frazioni di Usseaux, uno dei “Comuni più belli d’Italia”.

Scheda Tecnica

  • Tempo di percorrenza 1.30 ore totali (soste escluse)
  • Distanza 5 Km totali
  • Dislivello 100 md totali
  • Difficoltà Sentiero Escursionistico
  • Punti acqua Pourrieres; Fraisse
  • Segnavia percorso Via dei Romani
  • Periodo adatto tutto l’anno in assenza di neve
  • Dove parcheggiare Pourrieres

Itinerario

Si lascia il parcheggio (1420 metri di altitudine) per attraversare la strada provinciale e risalire tra le abitazioni di Pourrieres, caratterizzate dalla presenza di numerose sagome di militari settecenteschi, posti a ricordo della Battaglia dell’Assietta, località di quota che visse, nel 1747, un feroce scontro tra francesi e piemontesi. Ci si dirige in direzione della chiesa e una volta superata si scende per via Umberto I così da tornare alla provinciale.
La si attraversa di nuovo percorrendone un breve tratto verso sinistra, arrivando in via del Bacino, una stradina a destra in forte discesa che porta rapidamente alla diga di valle del bacino idrico (1390 metri di altitudine).

Camminando sul coronamento della diga stessa si passa dal lato opposto del lago, seguendo quindi un breve tratto di strada sterrata in salita, per poi deviare a destra, così da percorrere la sterrata che, passando più elevata, costeggia tutto il bacino idrico passando in mezzo alla fitta lariceta, alternata a pini uncinati e betulle, che in autunno si specchia vezzosa nelle acque sottostanti. Lungo questo tratto si tocca la quota più elevata dell’intero percorso (1460 metri di altitudine).

In discesa si arriva a lambire il corso del torrente Chisone nei pressi di un guado (1410 metri di altitudine). Da questo punto prende il via il percorso della larici-cembreta, che porta ai duemila metri del Vallone di Comba Turge, passando tra larici e pini cembri; un tragitto dal grande fascino ma più lungo e impegnativo di quello proposto (anello di 12 km con 600 metri di dislivello).
Non si attraversa il guado ma si prosegue dritti lungo il sentiero, ricalcando quella che è una pista ciclabile detta “Via dei Romani” che percorre quasi tutta la Val Chisone. Il sentiero risale il corso del torrente passando a ridosso delle rive in un tratto assai gradevole e rilassante che porta facilmente al ponte ed alle case della piacevole frazione Fraisse (1425 metri di altitudine).

Una volta visitato il borgo, caratterizzato da pannelli di legno scolpiti esposti sulle facciate delle case, si torna al ponte e si ripercorre a ritroso il bel sentiero fino a tornare al guado che, questa volta, va attraversato per poi seguire le facili vie sterrate che in leggera salita attraversano boschetti di pini uncinati, sfiorando il bacino idrico, per portare al punto di partenza nei pressi di Pourrieres.

Un larice da… bere

Si chiama Lar-ice e Paolo Cavallo è l’ideatore di questo straordinario digestivo che affonda le sue radici in un’antica tradizione recuperata e reinventata dopo che ha rischiato di perdersi del tutto. La rinascita di questo liquore è assai recente: la prima, vera, produzione risale al 2015 con l’imbottigliamento di sole 987 bottiglie. Strettamente legato alla valle, viene prodotto estraendo dagli alberi di larice, rigorosamente a mano, la linfa elaborata e la resina. Operazione che viene svolta una sola volta l’anno in estate ed esclusivamente nei boschi presso il Parco della Val Troncea, proprio quelli attraversati dal percorso proposto. Con un tradizionale metodo di infusione a freddo le materie prime subiscono una lunga e laboriosa lavorazione trasformandosi in un digestivo unico, di grandissima qualità, dalla produzione limitata e numerata. Anche le bottiglie sono prodotti unici, rivestite da un sottile foglio di legno di larice, una diversa dall’altra e con tappo rigorosamente in legno. Per scoprire dove è possibile acquistarla: Società agricola Digestivo Larice s.s. via Nazionale 212, Pragelato-località Traverses, www.digestivolarice.it).

Informazioni utili

Escursione priva di difficoltà tecniche, percorribile anche in presenza di poca neve.
Comune di Usseaux, frazione Pourrieres, parcheggio “del ciclista” lungo la SP23R, appena dopo la borgata.
In autobus linea 275 o 282 Torino-Pinerolo-Perosa A-Sestriere, fermata Pourrieres www.torino.arriva.it 
Turismo Torino e Provincia: www.turismotorino.org
Comune di Usseaux: www.comune.usseaux.to.it 

Annalisa Porporato e Franco Voglino
Annalisa Porporato e Franco Voglino

Travel writers della provincia di Torino, appassionati trekker, fotografi e collaboratori di riviste di escursionismo, viaggi e magazine con tematiche family friendly. Hanno mappato e sviluppato percorsi a piedi per numerosi enti del turismo italiano ed europeo. Da sempre viaggiano in modo autonomo vivendo i ritmi lenti del cammino, così da avere il tempo di crearsi un sogno. Passione che si è concretizzata nella stesura di numerose guide escursionistiche con vari editori. Ultimamente si stanno occupando di percorsi Benessere e Forest bathing nelle regioni e parchi d’Italia.



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur