Hakone, trekking in Giappone tra montagne e templi sacri

hakone_490776529
Hakone, la "montagna sacra" e i templi nella natura del Giappone

La nebbiolina è una compagna costante ma quando riesce ad alzarsi, che panorama! Siamo in Giappone, nella zona di Hakone, città nota per le sue terme.

È una delle perle della regione montagnosa del Parco Nazionale di Fuji-Hakone-Izu, famosa proprio per la presenza del Monte Fuji, la montagna sacra ai giapponesi, che si specchia nelle acque del lago Ashinoko, dall’origine vulcanica.

Le possibilità di escursioni sono tantissime, oltre che organizzare una pausa di benessere nei bagni termali che qui si chiamano “onsen” e che sfruttano le sorgenti del lago di cui sopra.

Come arrivare ad Hakone

Ad Hakone ci si ci arriva in 1 ora e mezza dalla stazione di Shinjuku di Tokyo, prendendo il Treno Rapido della linea Odakyu.

Oppure attraverso la linea ferroviaria circolare che marcia contro corrente, nel senso inverso delle lancette di un orologio, risalendo in primo luogo verso Nord, e qui ci si mette decisamente di più, circa tre ore, ma è un tempo ben speso visto che permette di godere dello straordinario panorama e del fatto di poter poi prendere vari mezzi di trasporto, oltre al treno.

Hakone: percorsi e trekking tra natura e templi sacri

Owakudani, Hakone
Gli splendidi panorami autunnali di Owakudani vista dalla funicolare di Hakone

Scendendo a Gora ci si imbarca sulle cabine della funicolare che porta a Owakudani, un paesaggio fascinosamente infernale tra fumi dall’odore non molto piacevole, dove è possibile mangiare uova nere, diventate così perché cotte nell’acqua sulfurea.

Si riprende la funicolare fino a Togendai, a nord del lago Ashinoko. A questo punto, si può decidere di attraversarlo con le navette a disposizione. Da qui, c’è qualcosa che attrae decisamente lo sguardo, accanto alla sagoma del Fuji che si specchia nelle acque e si vede-non-si-vede per via della nebbia: è il torii vermiglio dell’Hakone-jinja, il santuario shintoista di Hakone, ovvero la porta di rosso acceso che indica la presenza di un’area sacra e che sta proprio sulla sponda del lago.

È un richiamo irresistibile, e per raggiungerlo si mette in moto un altro mezzo di trasporto: i nostri piedi che si fanno strada in uno dei sentieri immersi nella foresta di cedri e pini, passo dopo passo la sacralità di questa natura stupenda esalta tutte le nostre emozioni.

Un percorso possibile inizia vicino alla fermata Moto-Hakone: ci si immerge nella fitta vegetazione per arrivare verso un altro torii, dove tutti i sentieri convergono. Qui l’atmosfera mistica è completa.

I Pellegrinaggi ad Hakone. Trekking in Giappone tra il verde e la fede

Hakone Temple, Japan
Il Tempio di Hakone e la magnifica vista sul Monte Fuji

Continuando verso la montagna, un’ulteriore porta torii dà l’avvio a una scalinata di pietra, è il “Sentiero di pellegrinaggio” che porta al santuario. Camminando, si possono vedere altri edifici più piccoli ma soprattutto ci si sente piccoli davanti alla generosa grandiosità della natura così generosa tra le nebbie.

Ci sono anche tanti cipressi, tra cui “Yadate”, proprio davanti al sentiero, maestoso e considerato sacro perché vederlo fa avverare i propri desideri.

Quando la scalinata finisce, ancora un torii accoglie fino a un’area pianeggiante contornata dai “soliti” magnifici cedri. C’è silenzio nonostante il luogo sia molto frequentato dagli stessi giapponesi. Ma qui non si parla, non si urla, è la natura che comunica attraverso il suo incanto. Incanto bissato dalla visita al tempio, l’edificio principale e gli altri, con i loro colori intensi e le decorazioni che si armonizzano con il paesaggio naturale.

Nella parte orientale del tempio maggiore c’è anche un altro albero venerato da chi sta per avere un bimbo: è Anzansugi, il cipresso del parto sicuroNon si può dire quanto può durare questo percorso, un’oretta ma sicuramente di più, soste panoramiche e di riflessione sono tante.

Terminata la visita, si ritorna a Moto-Hakone, da cui si può prendere anche un bus verso la stazione di Hakone salendo sul treno versoTokyo. L’ideale sarebbe dedicare almeno uno o due giorni ad Hakone e dintorni.

Commenti

GoodTrekking

GoodTrekking