Da questo ponte sospeso nel blu passa uno dei percorsi più affascinanti del Salento

Alessio Gabrielli  | 06 Lug 2023
IS: 852862384

Il Salento, con la sua bellezza naturale e la sua ricca storia, è una destinazione che affascina ogni visitatore. Tra le sue meraviglie, il Sentiero Vecchio del Ciolo, noto anche come il Canyon Salentino, offre un’esperienza unica di trekking attraverso un paesaggio mozzafiato. Questo antico sentiero, un tempo utilizzato dai pescatori e dai raccoglitori di sale per raggiungere la spiaggia del Ciolo, si snoda lungo un canyon naturale, creato nel corso dei secoli dall’azione erosiva del vento, del sole e della pioggia.

Scheda Tecnica

  • Tempo di percorrenza: 1 ora (soste incluse)
  • Distanza: 1 km
  • Dislivello: 67 md+ totali
  • Difficoltà: facile
  • Segnavia percorso: assente
  • Periodo adatto: tutto l’anno
  • Località di partenza: Ciolo (Lecce)

Il percorso

IS: 1046973412

Il Sentiero Vecchio del Ciolo è un viaggio attraverso la storia e la natura. Inizia dal Ponte Ciolo, un punto panoramico che offre una vista mozzafiato sul canyon sottostante. Da qui, il sentiero si snoda lungo il lato del canyon, offrendo una vista panoramica sul paesaggio circostante.

Ramo 1: Verso la Spiaggia tramite il Sentiero del Ciolo

IS:

Il primo ramo del sentiero conduce alla spiaggia del Ciolo. Questo percorso offre la possibilità di ammirare da vicino i tipici muretti a secco della Puglia e le pajare, costruzioni tipiche della zona, simili ai trulli, sparsi tra gli uliveti. Lungo il percorso, ci sono diverse panchine dove ci si può fermare per ammirare il bellissimo paesaggio circostante. Alla fine del sentiero, si arriva alla piccola caletta con spiaggia ghiaiosa e un’acqua che cambia dal turchese al blu, limpida e dal fondale roccioso.

Ramo 2: Verso Gagliano del Capo

IS:

Il secondo ramo del sentiero conduce a Gagliano del Capo. Questo percorso si inerpica lungo il lato del canyon, passando accanto a muri a secco tipici della Puglia e pajare, costruzioni simili ai trulli, sparsi tra gli uliveti. Lungo il percorso, si incontrano diverse grotte, come la Grotta dei Moscerini o più in alto le Grotte delle Prazziche, dove sono state fatte scoperte risalenti al periodo Paleolitico e Neolitico. Il sentiero termina in un parcheggio con panchine a Gagliano del Capo.

Cenni Storici sul Sentiero del Ciolo

Il Sentiero del Ciolo, un antico camminamento, ha una storia affascinante. Era un percorso utilizzato dai pescatori e dai raccoglitori di sale per raggiungere la spiaggia del Ciolo o il porticciolo di Novaglie dal centro del paese. Questo sentiero, scavato nel corso dei secoli dall’azione erosiva del vento, del sole e della pioggia, ha visto passare generazioni di persone, ognuna con la sua storia e le sue esperienze. Il nome “Ciolo” deriva dal termine dialettale “ciola”, che significa gazza ladra, un volatile molto diffuso nel Salento, che sceglieva quest’area per la nidificazione. Ad oggi il ponte è una meta gettonata dai turisti per fare spettacolari tuffi nelle turchesi acque sottostanti.

Conclusione

Il Sentiero Vecchio del Ciolo è un’esperienza di trekking che offre un’immersione unica nella bellezza del Salento. Che siate appassionati di trekking o semplicemente alla ricerca di un’avventura all’aria aperta, questo percorso vi offrirà un’esperienza indimenticabile. Ricordate sempre di pianificare il vostro viaggio in anticipo, di portare con voi l’attrezzatura necessaria e di rispettare l’ambiente circostante. E non dimenticate di esplorare gli altri itinerari incredibili che abbiamo da offrire sul nostro sito. Buon trekking!

Alessio Gabrielli
Alessio Gabrielli

Sono Alessio Gabrielli, ho 25 anni. Laureato in Scienze della Comunicazione all'Università di Tor vergata. Sto proseguendo gli studi presso l'Università La Sapienza di Roma in Media, comunicazione digitale e giornalismo.



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur