Era il percorso preferito della Regina Margherita: si trova in Piemonte e guarda sognante il Gressoney con il suo castello

Adriano Bocci  | 12 Mag 2024
Castello Savoia - Gressoney

Nazionalista, attaccatissima ai Savoia e gestore di un circolo culturale settimanale, la prima regina consorte d’Italia amava passeggiare. La Regina Margherita, omaggiata in ogni dove, aveva un percorso particolare che ha prediletto per molti anni fino all’anno prima della morte: l’anello Regina Margherita. Bello ma leggero, osserva splendente il Monte Rosa.

Ci troviamo dinanzi a un itinerario semplice, turistico, ma dalle vedute terribilmente belle: un laghetto, tanto verde, il Castello Savoia e i ghiacciai del monte. Viene chiamato anche Sentiero della Regina, se ne avete sentito parlare, ma non è tutto: ci sono alcune chicche verso la fine, assolutamente da provare. Pronti per una passeggiata in Valle d’Aosta?

1 L’anello Regina Margherita

 

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Simonetta Chiarugi (@aboutgarden)

Prima le cose importanti: l’anello della Regina Margherita è un percorso semplice, turistico, lungo poco più di 4 kilometri e che dura circa un’ora e mezzo se fatto da solo. Zeppo di posti in cui fare foto al Monte Rosa (ma non solo), ci si può godere tanto ma tanto verde e colori. Questo perché consigliamo di andarci fra maggio e luglio, dove c’è la fioritura di diverse specie.

L’inizio parte da qui, via Monterosa, in pieno centro storico all’Anello Regina Margherita (su Maps) vicino al ponte e si prosegue per la piazza Obre. Volendo c’è la Chiesa Madre di San Giovanni Battista, a due passi, la beccate per forza. Tirando dritti sulla via Monterosa andate a sinistra verso il Lago di Gover, che ammira dal basso tutto il Monte Rosa. Potete farvi il lago con un ponte di legno per arrivare, poco dopo, al sentiero 15.

Lago di Gover - Gressoney
Il Lago di Gover

Il sentiero 15 è quello conosciuto come Sentiero della Regina e fa arrivare fino al Castello Savoia, di cui parleremo più tardi per una cosa in particolare. Continuando sulla strada, effettivamente una mulattiera, c’è una cascata e si arriva al parcheggio del castello, e da qui comincia un po’ di salita. Il dislivello totale, alla fine della fiera, è di soli 105 metri, quindi non è necessario nulla di eclatante. L’eclatante lo ritroverete nelle foto che scatterete, nel blu del lago di Gover e fra i fiori.

Dopo una brevissima salita, alla prima curva, dovete scendere al sentierino che passa sotto la strada fino a un secondo bivio. Da lì ci saranno due strade, di cui una asfaltata: prendete questa fino al prossimo bivio e alla Cappella di Greschmatto e continuate verso il Lys. Il Lys, un torrente, è attraversato da un ponte molto dolce che imbocca su una strada che porta in mezzo alle casette verso Col Vadobbia. Fatevela fino al picco ma andate verso la pianura nel sentiero dei Lombardi, passate un altro fiumiciattolo e andate verso nord fino alla Villa Margherita e al Museo Beck-Peccoz. Poi potete tornare indietro passando di nuovo per il Lys.

2 Castel Savoia e il suo giardino botanico

Castello Savoia - Gressoney
Castello Savoia

Fatto su richiesta di Margherita stessa, il Castello Savoia verso oltre metà dell’anello Regina Margherita sta nel Belvedere e osserva il ghiacciaio del Lyskamm. Ornato dalle pitture di Carlo Cussetti, il castello è tutto medioevale ed ha tutti i mobili effettivamente autentici. Per quanto potreste essere venuti per un motivo o per l’altro, come per la meridiana che legge Sit patriae aurea quaevis, ossia ogni ora sia d’oro per la patria, nel 1990 è stato inaugurato il giardino botanico.

C’è la possibilità di visitare la bellezza di mille metri quadri di giardino botanico, quando arrivate al Castello Savoia dall’anello Regina Margherita. Effettivamente è il Giardino Botanico Alpino Castel Savoia, aperto tutto l’anno ma consigliato da giugno a settembre per le specie lì incluse. Con tutto il castello, di fronte al Monte Rosa, si presentano tante aiuole rocciose con piante prettamente alpine, e non. Cosa troverete?  Botton d’oro doppio, Sassifraghe, Stella alpina, Giglio martagone, Genziane e tanto altro.

 

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Fallarini simona (@fallarini_simona)

Adriano Bocci
Adriano Bocci


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur