A nord di Roma c’è un antichissimo santuario scavato nella roccia! Ecco come raggiungerlo e cosa visitare

Emma Valenti  | 07 Feb 2024
IS: 1173079714

A soli cinquanta chilometri a nord di Roma, incastonato tra le verdi colline e le imponenti montagne dell’Appennino, si trova un tesoro nascosto che pochi conoscono: il Santuario di San Benedetto a Subiaco. Questo antico eremo, immerso nella natura rigogliosa, rappresenta un luogo di spiritualità, storia e bellezza paesaggistica. In questo articolo, esploreremo come raggiungere questo santuario, la sua storia millenaria e il borgo circostante che aggiunge un tocco di fascino a questa gemma dell’Italia centrale.

Alla scoperta del Santuario di San Benedetto

Il Santuario di San Benedetto a Subiaco è un luogo di profonda importanza storica e religiosa. Fondato nel VI secolo dallo stesso San Benedetto, fondatore dell’ordine benedettino, il santuario è un simbolo di fede e devozione. Innanzitutto, la sua posizione isolata, circondata dalla tranquillità delle montagne, offre un rifugio spirituale perfetto, lontano dalla frenesia della vita moderna. Per raggiungere il Santuario di San Benedetto, bisogna intraprendere un viaggio suggestivo attraverso i pittoreschi paesaggi dell’Appennino laziale. Da Roma, si può dunque prendere un treno regionale per Subiaco, godendo di un viaggio panoramico che attraversa colline e valli. Poi, dalla stazione di Subiaco, una breve corsa in autobus o taxi conduce i visitatori alla base del Santuario. Alternativamente, chi ama l’avventura può optare per un’escursione a piedi attraverso i sentieri che salgono tra gli alberi secolari.

La storia del Santuario: le radici millenarie di San Benedetto

IS: 498716168

La storia del Santuario di San Benedetto è intrecciata con la vita del santo eremita. San Benedetto visse per diversi anni in una grotta vicino al sito del santuario, dedicandosi soprattutto alla preghiera e alla meditazione. La sua presenza attirò altri discepoli, dando inizio alla fondazione del monachesimo benedettino. Il santuario attuale, costruito nei secoli successivi, conserva ora le tracce di questa storia millenaria, dalle antiche murature ai dipinti sacri che adornano le pareti. Ovviamente, l’architettura del Santuario di San Benedetto riflette lo spirito dell’ordine benedettino, caratterizzato dalla sobrietà e dalla ricerca della bellezza intrinseca. La chiesa del santuario, con la sua facciata in pietra e il campanile che si erge verso il cielo, si fonde armoniosamente con il paesaggio circostante. L’interno, arricchito da affreschi e opere d’arte sacra, trasmette una sensazione di serenità e devozione.

Il borgo di Subiaco: un gioiello storico tra le montagne

IS: 1275855357

Il Santuario di San Benedetto si trova nelle vicinanze del pittoresco borgo di Subiaco, un gioiello storico che merita davvero di essere esplorato. Le strette vie lastricate, le case colorate e i piccoli negozi artigianali creano un’atmosfera accogliente. Il borgo conserva la sua autenticità medievale, offrendo ai visitatori una finestra sul passato. La visita a Subiaco è un viaggio nel tempo, con la possibilità di esplorare antiche chiese, monasteri e piazze pittoresche. Subiaco offre numerose attrazioni oltre al Santuario di San Benedetto. Il Monastero di Santa Scolastica, fondato anch’esso da San Benedetto, è un luogo di preghiera e studio ancora attivo oggi. La Rocca Abbaziale, con la sua imponente struttura, offre panorami mozzafiato sulla valle sottostante. Il Ponte Vecchio, un suggestivo antico ponte in pietra che attraversa l’Aniene, è un luogo veramente perfetto per una passeggiata tranquilla.

Il ristoro del viaggiatore: cibo e tradizione a Subiaco

Subiaco è anche famosa per la sua cucina tradizionale. I ristoranti del borgo offrono piatti tipici dell’area, dai primi piatti a base di pasta fatta in casa alle specialità di carne provenienti dalle aziende agricole locali. Il tutto può essere accompagnato da un bicchiere del rinomato vino dei Colli Albani, una delizia per il palato. Ciò che rende Subiaco un luogo davvero speciale è l’accoglienza calorosa dei suoi abitanti. La comunità locale è orgogliosa delle proprie radici e felice di condividere la bellezza e la storia del luogo con i visitatori. Le passeggiate nei vicoli del borgo offrono l’opportunità di fare amicizia con gli abitanti, ascoltare racconti di generazioni passate e scoprire gli angoli più autentici di Subiaco. Insomma, con le sue vie acciottolate, le chiese antiche e le delizie culinarie, Subiaco si rivela come un tesoro da scoprire, un invito ad esplorare la vera essenza dell’Italia centrale. Perdiamoci nella meraviglia.

Conclusioni: il Santuario di San Benedetto e il fascino di Subiaco

Il Santuario di San Benedetto a Subiaco rappresenta un rifugio spirituale immerso nella natura, un luogo dove la storia millenaria si fonde con la bellezza paesaggistica. Il viaggio per raggiungere questo antico eremo offre non solo l’opportunità di scoprire la devozione di San Benedetto ma anche di esplorare il borgo medievale di Subiaco. Lasciatevi incantare dalla magia di questo santuario nascosto sulle montagne a nord di Roma e dall’irresistibile fascino di Subiaco, un luogo che rimarrà nel cuore di chiunque abbia la fortuna di visitarlo.

Emma Valenti
Emma Valenti

Emma Valenti, della provincia di Trento, residente nel Parco Naturale dell'Adamello Brenta, da sempre appassionata di trekking e laureata in Beni Culturali. Promotrice del cammino meditativo, che ci aiuta a riappropriarci della centralità dell'anima.



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur