Vacanze sostenibili: cinque idee per conoscere la bellezza di Malta

Malta turismo sostenibile

Avete mai pensato di trascorrere le vostre vacanze sostenibili a Malta?

Il piccolo arcipelago del Mediterraneo che fa parte dell’Unione Europea, ma dove è presente una forte influenza araba, è una delle “mete nuove” delle vacanze sostenibili nel Mediterraneo.

Se sì, vi darò cinque idee per fare una vacanza all’insegna della sostenibilità, se no, vi darò 5 buoni motivi per visitarla. Iniziamo innanzitutto a conoscere questa repubblica e capire perché vale veramente la pena di soggiornarci.

Per prima cosa vi voglio parlare della particolare atmosfera che si percepisce appena si giunge su quest’isola. Pur essendo consapevoli di essere in Europa si avverte la sensazione di essere in Nord Africa ad iniziare dalla loro lingua, il maltese, una lingua di origine semitica derivante da dialetti arabi parlati nel Maghreb con l’aggiunta di parole prese dal siciliano.

In secondo luogo non si può non notare il divertente contrasto che si crea vedendo le auto circolare a sinistra e le cabine telefoniche rosse in perfetto “British style” dovuto alla passata dominazione britannica. Difatti la loro seconda lingua ufficiale è l’inglese ed è il luogo ideale per apprenderla essendoci diverse scuole sia per giovani che per adulti. Anche l’italiano è piuttosto diffuso, sebbene in maniera “ufficiosa”, e dunque non avrete particolari difficoltà a relazionarvi con i maltesi.

Come terzo punto va assolutamente citato il suo grande patrimonio architettonico dovuto ad un susseguirsi di potenze dominatrici che hanno lasciato la loro traccia durante 7.000 anni di civilizzazione. Ovviamente non mi sono dimenticata degli amanti del mare, che possono rigenerarsi sulle spiagge sabbiose o nuotare nelle acque di un blu intenso che brillano sotto i raggi del sole. Tutto questo è possibile sia sull’isola principale Malta che sulle sue sorelle minori, Gozo e Comino.

Da ultimo chi è appassionato di immersioni, ma anche chi è principiante non potrà resistere alla tentazione di esplorare il mondo sottomarino che ospita tra le più svariate specie marine che si trovano in mare aperto, nelle baie o vicino alla innumerevoli grotte.

Se ciò ha suscitato il vostro interesse o comunque avevate già scelto questa destinazione, vi fornisco alcune proposte di escursioni alternative che vengono organizzate in loco.

  • Alla scoperta del paesaggio rurale, vi sono diversi itinerari da fare sia a piedi che in bici come ad esempio da Rabat a Dingli 7,7 km o da Siġġiewi a Qrendi  km 6.
  • Visita delle Tre Città: Vittoriosa, Senglea e Cospicua ( dove i Cavalieri si sono inizialmente insediati nel 1530) a bordo di auto elettriche chiamate Rolling Geeks.
  • Partecipare ad un evento speciale come la Birgufest o ad un festa di paese che vengono organizzate durante i mesi estivi.
  • Passare qualche giorno in un Bed&Breakfast di una fattoria a conduzione famigliare a Gozo dove è possibile fare delle degustazioni enologiche e ovviamente gustare la prelibata cucina locale.
  • Partecipare ad un workshop artistico a Gozo. Dopo aver raccolto fiori, piante e terra potrete dare sfogo alla vostra creatività artistica esclusivamente con pigmenti naturali.

Monica Losen
Guarda le foto e segui i miei viaggi anche su:
Facebook
Instagram

Commenti

Monica Losen

Monica Losen