Trekking in Irlanda nel Killarney National Park


Un’altitudine che supera di poco i 1000 metri e tutto il verde dell’Irlanda, contea di Kerry. Ecco il Killarney National Park, un’area protetta di poco più di 8mila ettari istituita nel 1932.

Circondato dalle MacGillycuddy’s Reeks, le montagne più alte dell’Isola Verde, il Killarney prende il nome dall’omonima cittadina che nella Knockreer House ospita il centro di ricerca e di educazione ambientale dove informarsi sulle bellezze che ci aspettano.

Da qui si può partire per le escursioni nel territorio dichiarato dall’UNESCO “Riserva della Biosfera” per via della sua grande biodiversità faunistica e floristica, veri e propri punti di forza assieme allo straordinario panorama che ondeggia sotto gli occhi.

Guest star della zona sono i tre laghi Leane, Upper Lake, Muckross con tutto il loro contorno di isolette, piccole perle in un paesaggio abbastanza pianeggiante in contrasto con le cime, seppur appena accennate, di monti come Magerton, Torc, Shehy.

Non mancano le cascate originate dal fiume Lane prima di formare i laghi Lean e Muckross.

Dalla tenuta di Muckross

La visita può iniziare dalla tenuta di Muckross che assieme a quella di Kenmare costituisce la maggior parte del parco: si trova a 5 km a sud di Killarney Town, sul Ring of Kerry.

Qui c’è Muckross House, residenza di età vittoriana all’interno di un giardino ornamentale e, ancora equipaggiata con i mobili e gli arredi del tempo che fu, può essere visitata per avere uno spaccato sulle tradizioni locali.

Nei pressi c’è anche quel che resta della Muckross Friary, che fu incendiata dalle truppe di Cromwell nel 1652.

L’anello del lago Muckross

Muckross Lake, Killarney National Park
Killarney National Park – Il Lago di Muckross

Partendo e ritornando da/a Muckross House ci sono alcuni itinerari con sali e scendi che abbisognano di un moderato allenamento per essere affrontati.

Intorno al lago Muckross ad esempio si può effettuare il circuito ad anello di 15 km, in un percorso che può durare dalle 3 alle 5 ore.

Il Muckross Lake Loop permette di percorrere una strada del 1800 e di raggiungere le fattorie gestite ancora con metodi tradizionali e di zigzagare fino alle piccole spiagge e alle insenature rocciose del lago Muckross, dove si possono osservare (tra l’altro) gli aironi.

Il sentiero prosegue verso la penisola di Muckross, con lo sperone di terra che separa il lago omonimo da quello più grande, Lough Leane.

Si entra nel Reenadinna Wood, un tappeto di muschio e felci e, tra gli alberi secolari di querce e tassi, può accadere di intravedere il cervo rosso e/o qualche scoiattolo rosso.

Una sosta all’estremità occidentale del lago Muckross presso il Dinis Cottage, che accoglie con i suoi 200 anni di storia, permette di riprendere il cammino con rinnovato sprint, sempre costeggiando lo specchio d’acqua e in mezzo al bosco.

Da non perdere il Brickeen Bridge dove si incontrano i due laghi, Muckross e Leane, in un punto che qui chiamato con il suggestivo nome di Meeting of the Waters.

Verso le cascate di Torc

Torc Waterfall, Killarney National Park
Killarney National Park – le cascate di Torc

Lungo l’anello si può effettuare una deviazione per arrivare alle cascate di Torc con altri 4,5 km e ulteriori 2 ore (ci si può pure arrivare direttamente da Muckross House), dirigendosi verso il fiume Owengarriff, appena sopra le cascate principali salendo attraverso i boschi sul lato orientale del corso d’acqua,  fino al punto di osservazione della cascata di Torc che fa un salto di 18 metri. Attenzione all’umidità che può rendere scivoloso il terreno.

Il tragitto prosegue passando attraverso un ponte stradale asciutto prima di raggiungere di nuovo l’anello lacustre e tornare a Muckross House.

Killarney e il Gap of Dungloe

Killarney National Park - Dungloe
Dungloe, uno degli angoli più in vista del Killarney National Park

Un altro percorso incantato è la gola chiamata Gap of Dungloe, partenza dal Kate Kearney’s Cottage, in un percorso di 10 km da effettuare in circa 2 ore.

Sulle rive del Lough Lane c’è il Ross Castle del XV secolo: venirci porta fortuna, dice la leggenda, già la si ha conquistandolo attraverso i diversi sentieri alberati.

Per gli interessati: i dintorni possono essere visitati a bordo di carrozze oppure ci si può imbarcare presso il molo castellano per gironzolare sui laghi e vedere pure, nell’isoletta Inisfallen, i  resti archeologici dell’Abbazia omonima, monastero paleocristiano del 640.

Nel parco c’è inoltre il Clogheren Trail, adatto ai non vedenti.

Quando visitare il Killarney National Park

Visto il clima oceanico di questa parte d’Irlanda, caratterizzato da estati fresche e inverni miti, è possibile in teoria visitare il parco ogni mese dell’anno ma durante i mesi freddi piogge e nebbia possono disturbare il percorso.

Killarney, il cui aeroporto dista circa 15 km dalla città, è collegata a Dublino e Cork anche dalla ferrovia.

Commenti

GoodTrekking