Laghi Brasimone e Suviana: al fresco nell’Appennino Bolognese

Lago Brasimone
Lago Brasimone

Sull’Appennino Bolognese, a circa un’ora di auto da Bologna, c’è un’oasi di fresco, di natura e di bellezza che vale la pena visitare in tutte le stagioni dell’anno: i laghi Suviana e Brasimone. Noi ci siamo stati in estate e abbiamo apprezzato, tra le altre cose, la boccata di aria fresca rispetto alla calura bolognese.

In questa guida scopriamo cosa vedere, gli itinerari e i percorsi per il trekking nel Parco Regionale dei Laghi Brasimone e Suviana.

Parco Regionale dei Laghi Brasimone e Suviana

Lago Suviana
Lago Suviana in autunno

All’inizio del Novecento, in questa zona di confine tra Emilia e Toscana, furono realizzati due laghi artificiali: il lago Brasimone, il più grande, e il lago Suviana. La diga che ha dato origine al primo fu a lungo la diga più alta ed imponente di Europa. I laghi sono esclusi dal Sito di Interesse Comunitario che protegge e conserva la zona: si tratta di un’area ampia, scarsamente antropizzata e caratterizzata da una vegetazione prarticolarmente rigogliosa.

Il parco regionale, se visto dall’alto, appare come una enorme macchia di verde compatto. Ci sono faggete e boschi misti di latifoglie che creano un manto boschivo denso e freschissimo. Il torrente Brasimone scorre lungo rocce arenario-marnacee che formano i tipici gradoni che danno origine a pozze fresche e suggestive.

Nei boschi sulle pendici più dolci si aprono vaste radure un tempo lasciate al pascolo e si intravedono i vecchi coltivi riconquistati dalla vegetazione spontanea. Folti castagneti si incontrano intorno a Mogne e a Poranceto, dove il parco ha allestito un museo del bosco. Ruderi di mulini e antichi essiccatoi completano il quadro che racconta di un’antica civiltà rurale legata alla coltivazione del castagno.

Cosa vedere sul Lago Brasimone e Suviana

Monte Calvi, tramonto
Tramonto sul Monte Calvi

Il parco si estende nel settore centrale della montagna bolognese, intorno ai bacini e alla loro centrale idroelettrica. Dal crinale la dorsale formata dal monte Calvi e dal monte di Stagno si prolunga separando le valli dei torrenti Brasimone e Limentra di Treppio, principali immissari del Suviana e del Brasimone.

Nell’area non sono presenti piante di interesse comunitario, ma abbondano le orchidee selvatiche e le genziane. In alcuni punti esposti a sud e più aridi ci sono piante della macchia mediterranea come il profumatissimo elicriso che da queste parti è usato per speziare gli arrosti. Tra i mammiferi abbondano i cervi e in autunno è il posto migliore dell’Appennino Emiliano per ascoltare il bramito dei cervi in amore. La presenza del lupo è costante e non è raro avvistare tracce della sua presenza.

Il borgo di Chiapporato è un piccolissimo borgo abbandonato sovrastato dal ripido versante del monte Calvi. Sulla cima del monte svetta la croce di Geppe. Qui infatti Geppe, abitante di queste montagne, veniva a pensare e a prendersi il suo tempo e alla sua morte il parco decise di dedicargli la croce.

Percorsi e itinerari

Poranceto
La foresta secolare di Poranceto

Il Parco Regionale dei Laghi Suviana e Brasimone è solcato da numerosi sentieri segnati dal CAI. Nella zona del Brasimone c’è un itinerario molto bello che porta all’eremo del Viandante, una struttura voluta dai locali che funziona da bivacco e che è sempre aperta. proseguendo lungo il sentiero si arriva alla cima del Monte Calvi per poi ridiscendere lungo la pista forestale. Qui trovate il link al tracciato e qui trovate un link al tracciato che dopo la visita alla Croce di Geppe sul Monte Calvi raggiunge il borgo di Chiapporato.

Invece qui trovate il link a un percorso molto breve dal Brasimone a Poranceto (3 km solo andata) che porta a una piacevole osteria e in pieno castagneto.

Questo anello costeggia le sponde del Brasimone per poi salire sul crinale con una salita impegnativa e tutto il resto in discesa/pianura e qui un anello un po’ più ampio con circa 700 metri di dislivello.

Qui trovate invece il link ad un itinerario che percorre il periplo del Lago Suviana.

Commenti