Sentiero dei Limoni di Maiori, un’escursione da sogno nella Costiera Amalfitana

sentiero dei limoni_699058720
Sentiero dei Limoni, escursioni in Costiera Amalfitana

Il Sentiero dei Limoni di Maiori ci porta dritti in Costiera Amalfitana (Patrimonio dell’Umanità UNESCO), davanti il Mar Tirreno e il golfo di Salerno, alle spalle la catena dei Monti Lattari.

Il Sentiero dei Limoni collega Maiori a Minori passando per il borgo di Torre e per il bellissimo promontorio che divide i due paesi. In questa guida scopriamo tutto sul sentiero, lunghezza, durata, difficoltà e cose da vedere, compreso il tracciato e la mappa dell’itinerario. 

Il Sentiero dei Limoni

Il Sentiero dei Limoni ricalca l’antico itinerario che collegava Maiori e Minori percorso per la produzione e il commercio dei limoni. 

Il sentiero attraversa infatti una delle realtà più importanti per la coltivazione dello sfusato amalfitano (prodotto oggi IGP, indicazione geografica protetta). Si tratta di un tipico limone famoso nel mondo per formato, profumo, sapore e alto contenuto di vitamina C. Prima della costruzione della strada che collega Maiori e Minori passando per il mare, il sentiero era l’unica via di collegamento tra i due paesi. Le trasportatrici lo attraversavano per portare i limoni sulle spiagge di Minori e Maiori, dove gli agrumi partivano per il Mediterraneo.

Escursione sul sentiero dei Limoni di Maiori

L’escursione sul sentiero dei Limoni di Maiori è possibile in ogni periodo dell’anno. Nelle ore più calde dell’estate è consigliata la mattina presto o il pomeriggio tardi data l’esposizione a sud e la mancanza di zone d’ombra. 

Il fondo del sentiero è in buona parte lastricato e va evitato nei periodi piovosi che lo rendono scivoloso. 

L’itinerario è di facile percorrenza e può essere percorso da chiunque senza un particolare allenamento. Bisogna tenere conto però che ci sono tratti con la presenza di scale da scendere e/o salire, nonché sali e scendi naturali: quindi un po’ di allenamento lo rende sicuramente meno faticoso. 

Informazioni utili

Lunghezza3 chilometri
DurataCirca 2 ore
Principali punti attraversatiTorre
Livello di difficoltàMedio – facile
DislivelloCirca 15 metri
Tipologia di itinerarioCamminata
Partenza e arrivoMaiori – Minori

Percorso e itinerario

Maiori è il punto di partenza del sentiero dei Limoni. Nulla vieta però di percorrerlo anche in senso inverso. Con il suo omonimo torrente e il Corso Regina e poco più di 5mila abitanti, Maiori è nota nel mondo perché qui il regista Roberto Rossellini ambientò il suo famoso film Paisà.

Ci si lascia alle spalle la caratteristica cupola maiolicata della Collegiata di Santa Maria a Mare di Maiori. Risale al XIII secolo e custodisce una statua di legno del 1200 dallo stile bizantino trovata in mare avvolta in una balla di cotone.

Il sentiero sale dalle scale di via Vena (una delle zone più antiche del paese) che accarezzano il costone roccioso. Si prosegue nella profumatissima macchia mediterranea, con qua e là alberi di ulivi, viti, carrubi e naturalmente i terrazzamenti su cui prospera il limone di Amalfi.

Il percorso prosegue fino al borgo di Torre e qui, passando per il belvedere della Mortella, raggiunge con una scalinata Minori. 

La variante di Ravello

A circa 143 metri di altezza, dopo circa un chilometro e mezzo da Maiori, si può fare una deviazione a destra per proseguire sulla variante di Ravello. Salendo per circa un’oretta si arriva al Convento di San Nicola del XVI secolo da dove proseguire per Ravello. Qui si può visitare Villa Rufolo dal cui fianco inizia la scalinata che porta dritta verso Minori.

In alternativa dal Convento di San Nicola si ritorna indietro per riprendere il Sentiero dei Limoni passando per il borgo di Torre, che fa parte del comune di Minori e che probabilmente si chiama così per l’esistenza di una fortificazione ormai scomparsa. Si passa sotto un porticato dove c’è una piccola edicola votiva dedicata al Beato Bartolo Longo. Si continua così fino alla chiesa di San Michele Arcangelo, che esisteva già nel 900, forse costruita su un antichissimo tempio dedicato al Sole.

L’arrivo a Minori del Sentiero dei Limoni

Superata la piazzetta di San Michele e attraversato interamente il borgo di Torre si raggiunge un meraviglioso terrazzo da cui la vista spazia sull’intero golfo e su Minori. Gli abitanti del posto lo chiamano belvedere Mortella, che è il nome locale per il mirto. Da qui altri 284 gradini ci separano da Minori. 

Da questo punto baciato dal sole si ammirano la Basilica di Santa Trofimena e il suo campanile, la Torre Paradiso e la spiaggia, persino Ravello, Agerola e, in lontananza, Amalfi.

Cose da sapere sul sentiero dei Limoni

Da Minori c’è un bus navetta che raggiunge Torre. Il Sentiero dei Limoni può essere percorso anche da questo borgo attraverso la scala di Via Vescovado, compiendo l’itinerario in senso inverso e accorciando il percorso.

Minori è la Città del Gusto della Costiera Amalfitana, patria della pasta artigianale. Quale migliore tappa finale di questo straordinario percorso tra i limoni che provare qualche ricetta tipica?

Consigliamo di percorrere il sentiero nel periodo in cui il limone è in fiore così da aggiungere all’esperienza visiva anche quella sensoriale. 

Ci sono almeno due punti in cui è possibile assaggiare la limonata prodotta con limoni locali. Prima dell’arrivo a Minori c’è anche un’azienda agricola dove ci si può fermare a mangiare qualcosa godendo la vista su Minori. 

Scopri anche il Sentiero Principe, alle porte di Salerno.

Tracciato del sentiero dei Limoni e varianti

Qui trovate il percorso ad anello che, passando per il Sentiero dei Limoni, ritorna al punto di partenza passando per il mare. Il tracciato percorre l’itinerario partendo da Minori in direzione di Maiori, ma nulla vieta di percorrerlo in senso inverso. Da Minori per salire sul sentiero bisogna percorrere 500 gradini da fare tutti d’un fiato perciò è consigliato l’attacco da Maiori.

Qui trovate invece il tracciato solo andata di meno di 3 km che permette di evitare i tratti più ripidi. Invece di partire dal Corso di Maiori, si parte da una stradina più sopra con scale intervallate da tratti piani.

Qui trovate il tracciato dell’itinerario che comprende la deviazione verso il Convento di San Nicola per un totale di 6,55 km e 500 metri di dislivello.

Commenti

GoodTrekking