Sentiero Martel, trekking alle Gole del Verdon

trekking verdon_484130929
Trekking alle Gole del Verdon sul Sentiero Martel

Il Sentiero Martel è forse il percorso più conosciuto dagli escursionisti che frequentano le Gole del Verdon, nella Provenza.

La zona del Verdon, pressoché sconosciuta ai turisti fino alla fine dell’Ottocento è divenuta, soprattutto negli ultimi decenni, una irrinunciabile destinazione, sia per chi si muove a piedi, ma anche per chi preferisce le due ruote.

Il Sentier Martel si estende per una lunghezza di 15 chilometri, dal Point Sublime – punto panoramico di grandissimo impatto scenico – fino allo Chalet de la Maline.

Informazioni utili

  • Lunghezza: 15 chilometri
  • Partenza: Point Sublime, Rougon
  • Arrivo: Chalet de la Maline
  • Dislivello: 205 metri

Il Sentier Martel nelle Gole del Verdon

Verdon trekking
Le strade del Verdon sono un concentrato di panorami davvero unico per chi ama il trekking

Il Sentier Martel fa parte del più grande, ed esteso, Sentier de grande randonnée 4 (o GR4). Questa specifica ripartizione dei sentieri, gestita dalla Fédération française de la randonnée pédestre (una sorta di CAI d’Oltralpe) conta circa un centinaio di itinerari, che toccano le località più belle della Francia, non solo nella natura, ma anche esperienze di trekking urbano, come a Parigi e Marsiglia.

Lungo all’incirca 15-17 chilometri, il Sentier Martel ha il suo inizio, ben segnalato anche nelle mappe, nei pressi dello Chalet de la Maline, vicino al Ravin de Charençon, dove troverete il cosiddetto Point du Départ du Sentier Martel.

Da qui, la Route Departémentale 23 (D23) si dirama in due itinerari autonomi, che uniscono lo Chalet de la Maline a La Palud-sur-Verdon. Quello più apprezzabile come panorami è sicuramente l’itinerario “di destra”, che affaccia direttamente sulle gole e sullo scorrere del Fiume Verdon, con alcuni belvederi di grande impatto scenico, come il Dent d’Aire o l’Escalès, che permettono di spezzare una salita piuttosto impegnativa, fatta di continui tornanti e dislivelli importanti, seppure si venga ripagati da una suggestione che ha pochi eguali al mondo.

Basti pensare che, nel corso delle ere geologiche, la zona che è attualmente delimitata dal “Grand Canyon d’Europa” era in realtà interamente ricoperta dal mare, e che il risultato oggi visibile è frutto dapprima del ritiro delle acque, poi dalla formazione dell’Arco alpino e, solo successivamente, dall’azione erosiva dei ghiacciai. Un vero e proprio corso e ricorso storico-geologico che ha dato origine a questo incredibile scenario naturale.

Oltrepassati i belvederi della Carelle e della Trescaire, ci si allontana brevemente dalla zona a picco sulle gole, deviando dapprima verso ovest, direzione La Palud-sur-Verdon, e poi nuovamente ad est, lungo la D952 (o Route de Moustiers) per arrivare, dopo alcuni chilometri, al Point Sublime, la terrazza panoramica più incredibile di questa zona delle Gole del Verdon, e il punto ideale per concludere questo trekking sul Sentiero Martel.

GoodTrekking

GoodTrekking