Sacra di San Michele a piedi: cammino sacro in Val di Susa

Sacra di San Michele
Sacra di San Michele, l'abbazia de Il nome della rosa

Vi siete mai chiesti cosa abbia ispirato il celeberrimo romanzo di Umberto Eco Il nome della rosa? Ve lo diciamo noi, anzi oggi vi suggeriamo un itinerario di trekking proprio tra quei luoghi. La Sacra di San Michele, simbolo del Piemonte, è un’antichissima abbazia costruita tra il 983 e il 987 sulla cima del Monte Pirchiriano.

La Sacra sorge lungo una via di pellegrinaggio lunga oltre 2000 chilometri, che va da Mont Saint-Michel, in Francia, a Monte Sant’Angelo, in Puglia. oggi non è solamente un cammino per pellegrini, ma anche uno stimolante percorso per sportivi alla ricerca di itinerari di trekking tra natura e cultura.

  • Punto di partenza: La Mortera (720 m)
  • Punto di arrivo: Sacra di San Michele  (962 m)
  • Lunghezza: 4 chilometri
  • Tempo di percorrenza: 2 ore
  • Pendenza: 250 metri
  • Difficoltà: T (turistico)
  • Periodo dell’anno: tutto l’anno

La Sacra di San Michele a piedi, il percorso

Mappa

Percorso

Il Sentiero dei Principi della Mortera è il più panoramico dei cammini per raggiungere la Sacra. Ecco perché vogliamo proporvi proprio questo cammino che, a differenza degli altri, non parte dal fondovalle bensì da Mortera. Qui parcheggiate e imboccate subito il sentiero che prende il nome da un corteo avvenuto nell’ottobre del 1836, durante il quale vennero trasportate dal Duomo di Torino alla Sacra ben  27 salme dei nobili della famiglia Savoia. Il percorso si snoda su strada sterrata e attraversa il bosco e vi farà scoprire sia la Cascina Pogolotti che Punta dell’Ancoccia e Picco del Faro.

Davanti a te lo spettacolo della Sacra di San Michele si apre pronto a scortarvi; sembra tanto vicina da poterla toccare. Dietro, le montagne, fra cui svetta la punta del Rocciamelone con i suoi 3538 metri. L’ultimo tratto del cammino è in discesa e arriva al Piazzale Croce Nera, dove sorge un ampio parcheggio e da cui, in circa 10 minuti potete raggiungere l’ingresso dell’abbazia con una leggera salita.

Gli altri percorsi per arrivare alla Sacra di San Michele a piedi sono:

  • Sentiero 502 da Sant’Ambrogio – La Via Crucis
  • Sentiero 503 da Chiusa San Michele – Antica mulattiera
  • Sentiero 562 da Vaie- Il più lungo

Abbazia di San Michele e altre attrazioni

Sacra di San Michele
Vista dal basso del complesso abbaziale di San Michele

Da qui potete ammirare l’incredibile bellezza della Val di Susa, ma sono molti i punti d’interesse che caratterizzano la Sacra di San Michele tra storia, arte, culto e cultura.

  • Sepolcro dei monaci. Dalla tradizione considerata una cappella cimiteriale, sembrerebbe piuttosto un’anticipazione, nella sua forma ottagonale, del Santo Sepolcro incontrato dai pellegrini. Risalente al X secolo, cominciò il lungo declino nel 1600.
  • Abbazia (Sacra di San Michele). Il Santuario romanico-gotico è un riassunto di stile romanico, tardo romanico e gotico piacentino. La sua costruzione risale alla metà del XII secolo e il suo aspetto odierno risale a diversi rimaneggiamenti accorsi nel corso dei secoli. Al suo interno potete ammirare il Trittico di Defendente Ferrari, il Grande Affresco dell’Assunzione e della Deposizione.
  • Rovine e Torre della Bell’Alda. Le prime sono le Rovine del Monastero Nuovo, edificato tra il XII e il XIV secolo durante il momento di massima espansione della comunità monastica. La torre fu l’ultima parte della struttura ad essere erette, ma presto finì in rovina a causa di sismi, guerre e abbandono.

Cosa sapere sulla Sacra San Michele

sacra san michele
Una veduta da lontano sulla Sacra di San Michele

La Sacra di San Michele può essere raggiunta in macchina, in pullman, con il treno o a piedi. Il parcheggio si trova a Piazzale Croce Nera e per raggiungere la biglietteria dovete percorrere un tratto in salita. Per arrivare in macchina da Torino prendete l’Autostrada A32 Torino-Bardonecchia direzione Frejus e uscite ad Avigliana Centro.

Se vi muovete in treno, la linea ferroviaria da prendere è la Torino-Susa o Torino-Bardonecchia con discesa alla stazione di Avigliana. Da qui prendete un taxi.

L’abbazia è visitabile tutto l’anno, seppure gli orari sono soggetti a variazioni. Nel periodo invernale da novembre a febbraio:

  • Da lunedì a sabato: orario continuato 9.30 – 16.30.
  • Domenica e 1° novembre, 8 dicembre, 1° gennaio, 6 gennaio: orario continuato 9.30-16.30 (dalle 11.15 alle 13 ingresso solo per Santa Messa).
  • 25 dicembre: 9.30-12.00 / 14.30-16.30 (dalle 11.15 alle 13 ingresso solo per Santa Messa).

Da marzo ad ottobre:

  • Da lunedì a domenica: orario continuato 9.30-17.30 (la domenica dalle 11.15 alle 13 ingresso solo per Santa Messa).
  • Giorni festivi (Pasquetta, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno): orario continuato 9.30 – 18.30.
  • 15 agosto: orario continuato 9.30 – 18.30 (dalle 11.15 alle 13 ingresso solo per Santa Messa).

A luglio e agosto la Sacra di San Michele è aperta tutti i giorni con orario continuato 9.30-19.00.

Scoprite tutti gli itinerari per attraversare il Piemonte in ciaspole!

Commenti