Parco nazionale della Sila, il polmone verde d’Italia

Parco nazionale della Sila
Parco nazionale della Sila, la natura della Calabria

Quando si parla di Parco nazionale della Sila, si fa riferimento alla decima riserva della biosfera italiana al mondo riconosciuta dall’UNESCO.

Gli svariati musei presenti, il territorio, le leggende, le attività produttive e sportive sono solo alcuni degli elementi che concorrono alla fama mondiale dell’area protetta. Ad ospitare il Parco nazionale della Sila è la regione Calabria, ricca di tradizioni, storia, cultura.

Che si ami l’estate o l’inverno, non importa: la Sila è in grado di accontentare tutti, dai grandi ai piccini, in qualsiasi periodo dell’anno.

La natura del Parco nazionale della Sila

  • Estensione area boschiva: circa 74.000 ha
  • Istituzione: ufficiosamente nel 1997, con istituzione definitiva nel 2002 (ma l’iter era iniziato nel 1923)
  • Sede: Lorica di San Giovanni in Fiore
  • Province coinvolte:  Catanzaro, Cosenza e Crotone
  • Storia: le prime testimonianze umane in Sila sono state ritrovate lungo il lago Arvo (homo erectus)
  • Geografia: la Sila è suddivisa in Greca, Grande e Piccola e comprende cime montuose molto alte(Botte Donato, 1.928 m), svariati corsi d’acqua, fittissime zone boscose, laghi d’altura di cui i principali sono il Cecita, l’Ampollino, l’ Arvo e l’Ariamacina.
Parco nazionale della Sila - Lago Arvo
Lago Arvo, uno degli scorci più belli del Parco nazionale della Sila

Le Riserve naturali del Parco nazionale della Sila

All’interno del Parco nazionale della Sila sono presenti ben 9 riserve naturali biogenetiche, ognuna con particolari caratteristiche.

  • I Giganti della Sila di Fallistro – presenza di quasi 60 alberi con circonferenza sino ai 6 metri e sino a 350 anni di età.
  • Golia Corvo – reintegrazione dei cervi il cui numero è di gran lunga diminuito negli anni per la presenza del lupo, oggi specie protetta, simbolo stesso del Parco nazionale della Sila insieme allo scoiattolo nero, specie endemica.
  • Gallopane – tutela di mufloni, lupi, cervi, daini e caprioli.
  • Tasso Camigliatello Silano – patrimonio genetico silano.
  • Poverella Villaggio Mancuso – “Museo Verde”.
  • Coturelle Piccione – uccelli e fiori.
  • Gariglione – Pisarello -abeti bianchi tra cui il clone dell’abete  più alto di tutta Italia, Prometeo, detto tale perché incendiato.
  • Macchia della Giumenta – S.Salvatore – importante realtà avicola e vegetale
  • Trenta Coste – pini larici, castagni, faggi e cerri.

Le attività praticabili

Parco Nazionale della Sila
I panorami – tra natura e bellezza – del Parco Nazionale della Sila

È davvero impossibile descrivere tutte le attrattive facenti parte del Parco nazionale della Sila, un vero e proprio polmone verde dove l’aria è pulita e fresca anche se la media nazionale è di 40 °C all’ombra.

Tra queste enumeriamo: rafting, canoa, kayak, vela, tiro con l’arco, birdwatching, escursionismo, biking, equitazione, trekking, sci di fondo e discesa a Carlomagno, Lorica e Camigliatello Silano, orienteering, ecc…

Da non perdere:

  • Gli itinerari enogastronomici presso le fattorie aperte e la caccia al tesoro, un mix di attività sportive e giochi medievali a squadre che si tiene nel mese di agosto.
  • Il Trenino della Sila con la più alta stazione ferroviaria a scartamento ridotto (950 mm) d’Europa posta a ben 1.400 metri d’altezza: il tour nell’antico treno a vapore è spettacolare sia d’inverno, lungo i paesaggi innevati, che in primavera e in estate, ma bisogna prenotare in anticipo poiché le richieste sono tantissime.
  • Lo spettacolo del Lago Arvo ghiacciato: un paesaggio nordico da fiaba

Informazioni utili

Nel Parco nazionale della Sila la piovosità è alta e le escursioni termiche sono molto forti:  in inverno si scende anche di diversi gradi sotto lo 0, mentre in estate siano nella media serale di 15 °C.

Portate sempre con voi una maglietta più pesante e un impermeabile tascabile: anche nei mesi estivi sentirete fresco se non freddo dopo il tramonto del sole. Sempre in estate, inoltre, non dimenticate di portare con voi un’adeguata protezione solare.

Commenti

GoodTrekking

GoodTrekking