Nordic Walking Tuscia: esplorando l’Alto Lazio

Nordic Walking in Tuscia
Nordic Walking in Tuscia

Il Nordic Walking ci porta alla scoperta della Tuscia e dei bellissimi paesaggi del Viterbese, tra il letto del fiume Tevere e la suggestiva natura dell’Alto Lazio.

Luoghi d’altri tempi in cui il tempo sembra essersi fermato, originalità e genuinità di una terra che è ancora lontana dalla logica consumistica e commerciale del turismo di massa. Un carattere originario che ancora oggi predomina fiero e maestoso all’insegna dell’autoctono. I suoi paesaggi mostrano in modo chiaro e distinto quale sia quell’impronta primitiva che ha saputo trovare il giusto equilibrio tra uomo e natura.

Caratteristiche autentiche che fanno della Tuscia la location privilegiata per il Nordic Walking, uno sport aperto a tutti arrivato in Italia solo qualche anno fa. Ma di cosa si tratta precisamente? E cosa centra con il trekking e le escursioni? Scopritelo insieme a Good Trekking!

Informazioni utili

Lunghezza 8 chilometri
Durata 4 ore
Principali punti attraversati Croce di San Martino, Strada di Mezzo, Località Canale
Livello di difficoltà Medio
Dislivello 158 metri
Tipologia di itinerario Nordic Walking
Partenza e arrivo Croce di San Martino

Nordic Walking: uno sport per tutti alla scoperta della natura

Nordic Walking

Uno sport per tutti, grandi e piccini, facile e divertente, che ristabilisce il pacifico e meraviglioso contatto con la natura. Il Nordic Walking si pratica all’area aperta ed è una disciplina che sorprende piacevolmente tutti coloro che vi si avvicinano. Una disciplina che va oltre una normale camminata in quanto prevede l’uso di appositi bastoncini, simili a quelli da sci di fondo, che permettono di allenare non solo le gambe ma anche spalle, braccia e schiena.

Un esercizio fisico che aiuta a ristabilire il benessere fisico senza affaticarsi troppo, ideale per chi non si muove da un po’ e vuole iniziare di nuovo a fare sport; ma anche per chi vuole mantenersi in forma, o perdere peso, oppure semplicemente per chi ama trascorrere delle giornata all’area aperta conciliando l’attività fisica e la scoperta di nuovi paesaggi.

Uno sport che permette d’instaurare un nuovo rapporto con il paesaggio, che ci rende partecipi di una realtà più grande e magnifica di noi, che ci fa sentire di nuovo una parte effettiva di un tutto più grande e armonico. Chiunque pratica il Nordic Walking ha sperimentato sulla sua pelle una diminuzione dello stress, un nuovo modo per “distendersi” dal caos della vita quotidiana e riscoprire un nuovo modo per alleggerire la mente, aprirla verso nuovi orizzonti, renderla libera e spaziosa.

Il Nordic Walking è uno sport che permette di fare escursioni e passeggiate al mare ed in montagna, nei parchi cittadini, o affrontare itinerari fuori porta nei luoghi più belli, del nostro paese, in particolare nel centro Italia all’insegna di una domenica in famiglia da vivere in modo diverso, un fine settimana o una vacanza breve.

Uno sport che nella sua semplicità si porta dietro un qualcosa di avventuroso,  che porta con sé la voglia di scoprire ed esplorare quei posti belli ed incontaminati che rappresentano i gioielli del nostro Paese. Impugnate i bastoncini e iniziate a vivere un’esperienza nuova ed unica nel suo genere alla scoperta dei luoghi più affascinanti della Tuscia, uno dei luoghi ideali per praticarlo. Vi attende un’esperienza all’aria aperta benefica e ricca di emozioni.

Nordic Walking: alla scoperta delle meraviglie della Tuscia

Nordic Walking, alla scoperta della Tuscia

Ma quali sono i luoghi, i paesaggi, i sentieri ed i parchi della Tuscia che più si prestano al Nordic Walking? Un’infinità! Se volessimo elencarli tutti potremmo andare avanti per ore. Questo a dimostrazione del fatto che la Tuscia si presta benissimo a questi tipi di passeggiate ed escursioni, gli itinerari a disposizione sono davvero tanti ma non è neanche escluso che ognuno possa decidere di percorrere autonomamente zone ancora non segnate, il piacere dello sport è anche questo, lasciarsi guidare dalla voglia di scoperta, mettendo da parte le mappe ed i percorsi consigliate per tracciarne di nuovi.

Nordic walking al Lago di Vico lungo “La Strada di Mezzo”

Il Lago di Vico, nell’Alta Tuscia

Percorso di particolare fascino e che ci permette di ammirare al meglio l’incantevole prospetto del Lago di Vico, La Strada di Mezzo è un itinerario lungo appena 8 chilometri con un dislivello piacevole, 150 metri, da fare in discesa.

Partenza dalla Croce di San Martino, a circa 740 metri sul livello del mare, con un primo tratto di itinerario all’insegna della bellissima natura della cerreta di Vico. Tra aceri, noccioli e antichi casali, La Strada di Mezzo prosegue poi in lieve discesa, arrivando fino a una quota di circa 582 metri, in una zona dove, tra vari alberi di faggio, possiamo vedere da lontano il percorso della Cassia Cimina.

Da qui, almeno di non voler attraversare a piedi la strada – mossa sconsigliata in quanto aperta al traffico veicolare e, dunque, potenzialmente rischiosa anche in assenza di traffico – si riparte verso la Croce di San Martino, aggiungendo ulteriori 8 chilometri alla propria passeggiata.

Valle del Treja e Bolsena – Il nordic walking in Tuscia

Cambiando ancora landscape, sorprendente è la Valle del Treja che con il suo Monte Gelato e le sue incantevoli cascate esaltano ancora di più le camminate con i bastoncini, percorrerete una valle lussureggiante incorniciati in un paesaggio favoloso.

E poi come escludere il grande patrimonio archeologico etrusco della Tuscia. Un itinerario a metà strada tra sport e riscoperta di un mondo solcato da tinte misteriose ed esoteriche. Una camminata all’insegna di posti diversi, ma tutti accomunati dal carattere selvaggio. Un sito etrusco d’eccezione e di grande rarità è quello di Norchia, ancora preservato dai grandi flussi turistici e praticamente incontaminato.

La vasta offerta paesaggistica della Tuscia non è ancora finita perché anche il mare e le sue coste offrono itinerari pieni di pace esteriore ed interiore. Montalto e Le Saline vi sapranno meravigliare e catturare con i suoi paesaggi autoctoni.

E poi ovviamente ci sono anche i siti più noti e frequentati come Tarquinia e Vulci, o il lago Bolsena. A voi la scelta!

Avatar

Francesca Bloise