L’anima nascosta delle Alpi tra misteri e leggende, ecco la meravigliosa Val Vogna

Alessio Gabrielli  | 17 Ago 2023

Nel cuore delle Alpi Piemontesi, dove le montagne si ergono maestose e i fiumi scorrono con un mormorio che sembra sussurrare antiche leggende, si trova un angolo di paradiso incontaminato: la Val Vogna. Questa valle, avvolta in un manto di verde lussureggiante e cullata dal canto degli uccelli, racchiude in sé la magia e la storia di un territorio che ha visto passare generazioni di escursionisti, avventurieri e sognatori.

Scheda Tecnica

  • Tempo di percorrenza: Circa 4-5 ore (andata e ritorno)
  • Distanza: 12 km circa
  • Dislivello: 600 m
  • Difficoltà: Medio
  • Segnavia percorso: Segnalazione bianco-rossa con indicazione “Val Vogna”
  • Periodo adatto: Da giugno a settembre (l’accesso potrebbe essere limitato in inverno a causa della neve)
  • Dove parcheggiare: Parcheggio presso l’ingresso della valle, vicino al paese di Riva Valdobbia.

Il Percorso

Iniziando il nostro cammino dalla pittoresca località di Riva Valdobbia, ci immergiamo immediatamente nella magia della Val Vogna. Il sentiero, ben tracciato e segnalato, ci conduce attraverso boschi di larici e abeti, dove il profumo della resina e il canto degli uccelli accompagnano ogni passo.

Dopo una breve camminata, raggiungiamo il borgo di Sant’Antonio, un autentico gioiello di architettura montana, dove le antiche case in pietra e legno raccontano storie di tempi passati. Da qui, il percorso si inerpica leggermente, offrendo panorami mozzafiato sulle cime circostanti e sul torrente Vogna, che serpeggia brillante in fondo alla valle.

Proseguendo, il sentiero si snoda tra prati fioriti e radure soleggiate, ideali per una breve sosta e per ammirare la fauna locale: non è raro, infatti, avvistare marmotte, camosci e, con un po’ di fortuna, anche l’aquila reale.

Il tratto finale ci conduce al Rifugio Carestia, un’accogliente oasi di riposo dove è possibile rifocillarsi e godere di una vista impareggiabile sulla valle sottostante. Per i più esperti, da qui è possibile estendere l’escursione raggiungendo alcune delle vette circostanti, o proseguire lungo altri sentieri che si diramano nella zona.

Curiosità

La Val Vogna non è solo un luogo di straordinaria bellezza naturale, ma è anche un tesoro di storie e leggende.

  • Leggende antiche: Si dice che nelle notti di luna piena, gli spiriti degli antichi abitanti della valle tornino a danzare nei prati, celebrando la bellezza eterna di questo luogo. Alcuni escursionisti sostengono di aver sentito misteriosi canti e melodie provenire dalle profondità dei boschi.
  • Architettura storica: Mentre si cammina lungo i sentieri, è possibile notare antiche baite in pietra, alcune delle quali risalgono a secoli fa. Queste costruzioni sono testimonianze del passato agricolo della valle e raccontano storie di generazioni di montanari che hanno vissuto in armonia con la natura.
  • Flora e fauna: La Val Vogna è un ecosistema ricco e variegato. Durante le escursioni, è possibile avvistare marmotte che fischiano tra le rocce, camosci agili sui pendii e aquile che volteggiano nel cielo. Inoltre, la valle ospita una varietà di piante rare e fiori alpini, rendendo ogni passeggiata un’esperienza sensoriale unica.
  • Il mistero della chiesetta: Nel cuore della valle si trova una piccola chiesetta, la cui origine è avvolta nel mistero. Alcune leggende locali raccontano che sia stata costruita in una sola notte, grazie all’intervento di forze mistiche.

Conclusione

Concludendo il nostro viaggio nella Val Vogna, ci rendiamo conto che non si tratta solo di un semplice percorso di trekking, ma di un’esperienza che tocca l’anima. Ogni passo in questa valle è un tuffo nel passato, un’immersione nella natura selvaggia e un incontro con la vera essenza delle montagne. E mentre ci allontaniamo, portando con noi ricordi indelebili, una cosa è certa: la Val Vogna, con la sua bellezza eterea e la sua atmosfera incantata, rimarrà per sempre nel nostro cuore, chiamandoci a tornare, ancora e ancora.

Alessio Gabrielli
Alessio Gabrielli

Sono Alessio Gabrielli, ho 25 anni. Laureato in Scienze della Comunicazione all'Università di Tor vergata. Sto proseguendo gli studi presso l'Università La Sapienza di Roma in Media, comunicazione digitale e giornalismo.



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur