Golfo dei Poeti, il percorso panoramico del trekking in Liguria


Trekking in Liguria, lungo le bellissime zone del Golfo dei Poeti da Lerici a Portovenere, passando per la piccola isola di Palmaria.

Il Golfo dei Poeti da sempre è luogo di incanto. Quel lembo di terra a confine con la Toscana sembra avere in sé qualcosa di magico che riesce a stregare chiunque visi rechi per la prima volta, tanto da attrarlo a sé come una calamita. Una costa suggestiva ed intrigante dai mille colori: acqua cristallina e onde che si infrangono sulle coste e sulle rupi a picco sul mare; promontori; coste frastagliate; natura selvaggia; borghi e piccoli paesi che sorvegliano dall’alto l’imponenza indiscussa del mare.

Il Golfo della Spezia è tutto da scoprire ed ammirare: un fascino ruvido e travolgente che ha stregato anche i grandi della letteratura dell’800 e del ‘900. Poeti e scrittori come Dante, Shelley, Byron, Petrarca e Montale hanno legato, in modo indissolubile, il loro nome con questo lembo di terra che, da loro, ha preso il nome di Golfo dei Poeti.

Da Lerici fino a Porto Venere, l’ultimo tratto della riviera ligure abbraccia centri caratteristici e davvero piacevoli come San Terenzo, Tellaro, Fezzano, Le Grazie tutti da conoscere tra passeggiate ed escursioni, attraversando peculiarità e tipicità che si raccolgono a schiera a Levante.  Un luogo davvero consigliato per gli amanti del trekking: un paradiso tutto italiano che offre veramente tanti itinerari per trascorrere una giornata all’insegna della scoperta.

Informazioni utili

Lunghezza 9 chilometri
Durata 2,5 ore
Principali punti attraversati Grotta di Lord Byron, Castello Doria, Spiaggia di Porto Venere
Livello di difficoltà Facile
Dislivello 100 metri
Tipologia di itinerario Trekking, escursione
Partenza e arrivo Porto Venere

 

Golfo dei Poeti: trekking a Lerici

Golfo dei Poeti, il porto di Lerici

Lerici è sicuramente il centro più importante e conosciuto del Golfo dei Poeti. Un borgo incantevole che dalla riva del mare si eleva rapidamente per giungere, quasi a schiera, sulla sua sommità dalla quale si gode di una vista panoramica pazzesca. Sarà davvero piacevole addentrarsi tra gli stretti vicoli di Lerici alla scoperta di un cittadina dalla antiche origini. La salita potrà sembrare faticosa ma ne varrà la pena: non solo per il castello a picco sul mare e la vista bella e rinfrescante che si avrà, a fine percorso, su tutta la baia ma anche per le meraviglie che incontrerete durante il percorso.

I vicoli pieni di tipici edifici, un tempo nucleo del ghetto ebraico lericino, vi guideranno nella salita verso il castello, sede del Museo Geopaleontologico e del Museo del Giocattolo. Le piazze del Poggio e di San Giorgio, la torre di San Rocco, palazzo Doria, la chiesa di San Francesco d’Assisi e l’oratorio di San Bernardino vi accompagneranno via via verso la “vetta” del borgo dove ad accogliervi ci sarà l’imponente castello. Tutto da visitare, di grande importanza storica, venne eretto dai Pisani durante la dominazione duecentesca e ampliato poi dai Genovesi, ma davvero notevole è anche il suo profilo architettonico: al suo interno custodisce, infatti, la cappella di Santa Anastasia, un gioiello in stile gotico-ligure. E poi, imperdibile, la vista dai bastioni del castello: un grandangolo naturale su tutta la baia dei poeti e sul promontorio che chiude l’insenatura.

La discesa, come sempre, sarà più veloce. Ad attendervi, ai piedi del castello, la rilassante passeggiata sul lungomare Vassallo.

Ma Lerici non è solamente il borgo. Il  suo territorio racchiude tante altre piccole località, altrettanto scenografiche che meritano di essere percorse ed esplorate in lungo ed in largo. La frazione di Tellaro, anche’essa arroccata su una penisola rocciosa con il suo castello a simbolo della cittadina. E poi le spiagge, punto forte di queste zone costiere: quella di Venere Azzurra, che si estende proprio tra Tellaro, il centro di Lerici e la vicina frazione San Terenzo, è il cuore del Golfo dei Poeti.

Golfo dei Poeti: trekking a Porto Venere

Il Golfo dei Poeti, nei pressi di Porto Venere
Golfo dei Poeti, Porto Venere

Porto Venere tutta da ammirare, fotografare e scoprire come la vicina Lerici. Le zone del Golfo dei Poeti sono assolutamente adatte per lunghe e rilassanti passeggiate. Non a caso, insieme a Palmaria, Tino e Tinetto, isole dell’arcipelago è Patrimonio Unesco.

Anch’essa si affaccia su un promontorio a dir poco fantastico, divenuto nel tempo splendida roccaforte sul mare: ancora oggi conserva le mura che cingevano l’antica città che da piccolo villaggio di pescatori ha saputo reinventarsi ed elevarsi. Proprio sul punto più estremo del promontorio sorge la chiesa di San Pietro, costruita sull’antico tempio di Venere che diede il nome alla cittadina, punto consigliato da visitare per qualsiasi percorso di trekking. Impossibile rinunciare alla bellissima veduta su tutto il Golfo dei Poeti.

Questo e molto altro spiega quanta storia e cultura custodisca questa cittadina, prediletta, tra tutti, da Byron. Una particolare insenatura porta, infatti, il suo nome, ribattezzata Grotta di Byron, il luogo dove il poeta si rifugiava per cercare l’ispirazione per le sue opere.

Come Lerici anche Porto Venere, ai piedi del promontorio, offre una splendida e rilassante passeggiata sul lungo mare con le barche dei pescatori che attraccano al porticciolo e il caratteristico molo ideale per una pausa pranzo con vista mare.

Da Porto Venere, il vero trekking continua a Palmaria, unica isola abitata in Liguria, raggiungibile in pochi minuti di barca. Qui i percorsi da trekking e i sentieri sono diversi e vi permetteranno di andare alla scoperta di una riserva naturale unica.

Commenti

Avatar

Francesca Bloise