Gole dell’Alcantara, nelle viscere della terra


Le Gole dell’Alcantara sono una meta irrinunciabile per chi ama gli itinerari naturalistici.

Un trekking a metà tra le rocce e le acque di cascate e laghetti all’interno di un canyon creatosi a seguito del raffreddamento di antichissime colate laviche solcate, al centro, dalle gelide acque del Fiume Alcantara.

Un ambiente incontaminato che apre a scenari mozzafiato. Pareti alte fino a 25 metri e strette, tanto che in alcuni punti distano tra loro appena 2 metri.

Mappa

Dettagli del percorso

  • Lunghezza: 4 chilometri
  • Durata (senza soste): 2,5 ore circa
  • Partenza: Parco Botanico e Geologico delle Gole Alcantara
  • Arrivo: Parco Botanico e Geologico delle Gole Alcantara
  • Dislivello: nullo
  • Difficoltà: Medio – bassa
  • Consigliato per: trekking

All’interno del canyon con le guide

Gole dell’Alcantara, immersi in una natura incontaminata

Ci trovano in provincia di Messina, tra il comune di Castiglione di Sicilia e quello di Motta Camastra.

Le famosissime Gole si trovano nel Parco Botanico e Geologico delle Gole dell’Alcantara fondato oltre 50 anni fa proprio per permettere una migliore conoscenza e fruizione della Valle Alcantara e delle sue Gole.

Esse al momento sono le attrazioni turistiche più visitate della Sicilia orientale. Tutto il tratto lungo circa un chilometro e mezzo è davvero scenografico ma, di certo il landscape più suggestivo si trova nei pressi di Motta Camastra.

L’escursione di trekking fluviale va fatta insieme alle guide esperte che si trovano sul posto e vi condurranno all’interno delle Gole con linee guida e abbigliamento adeguato: muta, casco e jacket.

Sarà una vera e propria discesa all’interno del canyon, dove, in alcuni momenti, sarà necessario l’utilizzo di corde come supporto.  Tutto in totale sicurezza grazie all’assistenza di guide autorizzate ed altamente professionali.

Il percorso tra le rocce e le acque del fiume

Gole dell’Alcantara, river trekking in Sicilia

Trekking e arrampicata lungo il fiume Alcantara tra natura, storia e tradizioni, per scoprire i luoghi più belli del Parco entrando nelle viscere della terra.

Non è necessario saper nuotare per affrontare l’escursione perché la maggior parte del percorso di river trekking si svolge in acque basse.

L’itinerario, partendo dalla parte più a valle del fiume si snoda su un percorso di circa 4 km e dura circa 2 ore e mezza. Con l’attrezzatura adeguata si percorre tutto il letto del fiume attraverso rapide, mulinelli e cascatelle circondati da una natura incontaminata ed intatta, con rari esempi di flora e di fauna, che saprà regalare grandi spettacoli con paesaggi mozzafiato.

Si cammina a tratti dentro il fiume, alcuni dei quali per oltrepassare le cascate, altre volte, invece, si cammina lungo le sponde, mentre a metà percorso breve pausa, nel più totale silenzio rotto solo dai suoni della natura. Subito dopo si riparte verso la fine del tragitto che si concluderà all’interno delle spettacolari Gole dell’Alcantara.

Per chi non ama l’acqua è possibile anche percorrere il sentiero delle Gole dell’Alcantara costeggiando la cornice sinistra del fiume.

Qui sono diversi i bivi che lo collegano ad altre stradine tanto che ogni trekker può personalizzare il percorso.

Quello principale resta la discesa lungo il Sentiero Eleonora fino alla spiaggia.

Qui si può decidere se addentrarsi nella gola per i primi 100 metri. Per chi voglia provare in breve l’ebrezza delle gelide acque dell’Alcantara è consigliato indossare le salopettes che si noleggiano sul posto.

Alcantara, un mondo di attività

Il Parco siciliano è una continua scoperta per gli escursionisti e si presta veramente a tanti tipi di attività.

Oltre al classico percorso di trekking e arrampicata nel canyon l’area può essere percorsa in lungo ed in largo, dalla bici al quad, dalla jeep fino ad un altro tipo di “immersione” con il body rafting.

Sono tutte attività che non impattano l’ambiente e che permettono agli escursionisti di vivere in maniera completa il Parco all’insegna di una full immersion nella natura siciliana.

Commenti

Avatar

Francesca Bloise