Cliffs of Moher, alla scoperta della natura in Irlanda

cliffs of moher_102909776
Cliffs of Moher, le scogliere irlandesi più belle da visitare

Se c’è un luogo che rappresenta al meglio il verde d’Irlanda, non può che essere le Cliffs of Moher.

Le Scogliere di Moher, questo il significato di “cliffs”, sono scogliere affascinanti situate nella zona nord occidentale dell’isola, dalle parti di Doolin, paesino noto per i suoi pub in cui si danza e si beve la tipica birra scura e densa, la Guinness.

In gaelico, la lingua madre degli irlandesi, si chiamano Aillte an Mhothair, cioè scogliere in rovina, formatesi a partire da 320 milioni di anni fa, da rocce scistose, arenacee, sedimentarie, ovvero materiali di varia composizione che pertanto si comportano diversamente rispetto all’erosione e per questo creano quell’affascinante profilo irregolare.

Come arrivare alle Cliffs of Moher

Le scogliere di Moher sono a circa 90 chilometri da Galway e si possono raggiungere in macchina propria o in bus attraverso la Wild Atlantic Way, un vero viaggio on the road tra i verdi paesaggi d’Irlanda. Ma, se l’oceano non è particolarmente agitato, ci si può imbarcare su battelli dal porto di Galway, una soluzione per avvicinarsi ad alcune grotte create sulle pareti a picco, come la Giant’s Cave alta circa 100 metri.

Anche da Doolin partono imbarcazioni per ammirare le scogliere dal mare. Alle Cliffs of Moher si arriva inoltre da Dublino in treno fino a Galway (circa 5 ore).

Ciffs of Moher. Curiosità e informazioni

O'Brians Tower, Cliffs of Moher
La O’Brians Tower, uno dei “monumenti” che costellano le Scogliere di Moher

Le Cliffs of Moher, nella baia di Galway, contea di Clare, hanno un’altezza di 214 metri, che scende a 128 verso sud nella zona di Hag’s Head, cioè il “Capo della strega”, una lunghezza di circa 8 chilometri.

Le scogliere d’Irlanda danno la possibilità di camminare proprio a strapiombo sul mare, davanti a noi nella sua immensità interrotta dai contorni delle Isole Aran e da qualche nuotatina di delfini e foche, mentre alle nostre spalle un territorio di colline ondulate (e ovviamente verdeggiante) ci dà l’impressione di essere “via dalla pazza folla”, tra la musicalità del vento spesso intenso e i richiami degli uccelli che danzano sugli scogli (si calcola che ve ne siano ben 60.000 allo stesso tempo!).

Cliffs of Moher, una passeggiata sull’Oceano Atlantico

Scogliere Moher, Torre
La “torre del castello” lungo le Scogliere d’Irlanda a Moher

Spettacolare, e non può che essere altrimenti, la “passeggiata costiera” che passa per le scogliere di Moher, collega Doolin a Liscannor, altro piccolo centro a sud, e vi si accede dal Cliffs of Mother Visitor Centre (al prezzo di 6 euro), suggestiva struttura costruita dentro la roccia con enormi pareti di vetro a vista sulla meraviglia d’intorno.

Da qui c’è un sentiero con barriere di pietre, un po’ più interno rispetto a quello “originale” sul precipizio. Il resto del percorso non è protetto, si può fare tutto o decidere se dirigersi verso Doolin a nord o appunto a Liscannor a sud.

L’itinerario è un via vai di salite, anche ripide, e discese, dal suolo irregolare con ghiaia e pietrame, talvolta reso umido dagli schizzi d’acqua marina o piovana. Diciamo che le condizioni, anche a seconda del tempo, possono presentare livelli di difficoltà più o meno intensa.

Meglio non avvicinarsi in caso di pioggia intensa e attrezzarsi sempre con vestiario impermeabile e soprattutto calzature adeguate, dalla suola robusta e con sostegno alla caviglia, come del resto sa ogni buon camminatore. Considerare anche il vento che può essere forte e la nebbia che potrebbe limitare la visibilità.

Dal sentiero sulle scogliere, raggiunto il punto più elevato, si può vedere e visitare la O’Brien Tower, una torre costruita nel 1835 e formata da due corpi cilindrici di varia altezza e da un archetto sotto cui passare due volte di corsa perché ciò porterebbe fortuna, soprattutto agli innamorati. Da lì si può osservare bene anche il Breanan Mór, uno sperone roccioso sui 70 metri di altezza che ha resistito all’arretramento del resto della scogliera e ancora mantiene la sua posizione.

Quanto tempo serve per visitare le Cliffs of Moher? Ardua risposta, dalle due ore in su ma, come diciamo spesso, il paesaggio e le emozioni sono così intense da parlare tranquillamente di una buona mezza giornata (e oltre, appunto).

Commenti

GoodTrekking

GoodTrekking