Anello dell’Abetone, trekking tra le vette del Toscana

borgo a mozzano_543585733
Il Ponte di Maria Maddalena a Borgo a Mozzano, nella zona dell'Abetone

Si trova nell’alta montagna pistoiese, esattamente nella valle del Sestaione, al confine con l’Emilia Romagna: è l’Abetone, 1388 metri d’altezza, vicino all’omonimo Passo.

È circondato da altre cime ancora più imponenti, come l’Alpe delle Tre potenze, 1940 metri, il Monte Gomito, 1892, la Selletta di poco più di 1700, il Libro Aperto che sfiora i 1940 metri.

Panorami super che i biker (e i trekker) possono ammirare “escursionando” tra faggete, boschi misti, rocce, grazie a una serie di itinerari di vario livello e difficoltà da percorrere in primavera, estate, autunno.

Soprattutto in estate, è praticamente d’obbligo fermarsi nei rifugi che si incontrano nel territorio, per ristorarsi e riposare, affrontando il giorno dopo altri tratti, sempre quelli forestali segnalati e tenuti in forma, cercando di non allontanarsi da essi né avventurarsi da soli. Da ricordare poi di dare sempre la precedenza a chi fa trekking, come consuetudine e rispetto.

Freeride & downhill sull’Abetone

Abetone ciclismo
Non solo ciclisti dilettanti: nel 2015, sull’Abetone sono passate anche le due ruote del Giro d’Italia

Mountain bike robuste e equipaggiamento specifico per il freeride e il downhill che si effettuano in zona su sentieri appositi come quelli approntati nell’Abetone Gravity Park e sopra Cutigliano, presso la località Doganaccia, emozionanti piste che partono dalla sommità della montagna per poi scendere giù da discese spettacolari e risalendo con gli impianti.

Le diverse piste sono segnalate da fettucce, numeri e colori relative ai vari livelli di difficoltà e si possono intersecare fra loro, con percorsi che da 3 a 30 chilometri, a seconda della quantità di “intersezioni” che si intendono realizzare.

Da Fanano a Cima Tauffi, MTB sull’Abetone

La vetta del Monte Libro Aperto, non lontano da Favano (Foto di Lorenzo Pavani, CC BY-SA 3.0)

Tra i diversi percorsi che regala l’Abetone, da non perdere quello ad anello che passa per Cima Tauffi – Taburri – Capanna Tassoni, una quarantina di chilometri molto impegnativi. Uno sforzo che ripaga però perché ci si inoltra anche nelle parti più impervie della montagna e dei boschi. Serve esperienza e tecnica per superare certi tratti in cui si è anche obbligati a portare la bici a mano.

Il percorso si snoda tra la provincia di Modena e quella di PistoiaSi può partire ad esempio da Fanano, cittadina modenese, poco più di 650 metri, che è un comune Bandiera Arancione, il prestigioso riconoscimento che il Touring Club Italiano dà ai luoghi dove sono alte la qualità della vita, l’attenzione al paesaggio, all’arte, alla cultura, nonché l’accoglienza turistica

Le tappe della “Scalata all’Abetone”

Le celeberrime Cascate dei Taburri, vicino all’omonimo rifugi (Foto di Pisquit, CC BY-SA 3.0)
  • Cima Tauffi, 1799 metri: mostra un territorio molto variegato, più o meno aspro, più o meno scarno di vegetazione, spesso interessato da piogge e nuvole.
  • Rifugio Taburri, 1220 metri, raggiungibile immergendosi in strepitose faggete: è su un pianoro che gli dà il nome, a monte di Fellicarolo e dell’omonima valle, nel parco del Frignano, da cui si può ammirare in tutta la sua estensione la cascata del torrente Doccione.
  • Capanno Tassoni, 1310 metri. È un rifugio dove si può mangiare (fino a 50 coperti) e dormire (36 posti letto distribuiti in 7 camere di vario tipo). Da qui ci si dirige in direzione della località Doganaccia, situata sui resti di un’antica dogana, posta tra il Ducato di Modena ed il Granducato di Toscana, 1547-1650 metri (ci si arriva anche con la funivia).

Da segnalare in questo paesaggio la presenza del torrente Lima e di un suo particolare Ponte Sospeso dalle parti di Mammiano Basso (Pistoia): risale agli anni Venti del secolo scorso, ha una lunghezza di 220 metri, è largo poco più di un metro e raggiunge un’altezza nel suo punto maggiore di 40 metri.

Realizzato con cavi d’acciaio ancorati con grosse catene a massi di calcestruzzo, è uno dei ponti pedonali più lunghi del mondo.

Commenti

GoodTrekking

GoodTrekking