Lago di Barcis, lungo il sentiero del Dint


Nel cuore della Valcellina, incastonato tra i boschi di abeti e di faggi, il lago artificiale di Barcis stupisce con le sue acque verde smeraldo.

Un ambiante semplice ma veramente bello e quasi incantato che ammalia tutti in ogni stagione.

La location ideale per chi voglia fare un’escursione in Friuli-Venezia Giulia, più precisamente in provincia di Pordenone. Qui si può trascorrere una giornata adatta a tutti, all’insegna del relax a contatto con la natura per passeggiate tranquille e spensierate.

Lago di Barcis mappa

Dettagli del percorso

  • Lunghezza: 3,6 chilometri
  • Durata: 2 ore circa
  • Partenza: Centro visite della Riserva Naturale Forra del Cellina
  • Arrivo: Centro visite della Riserva Naturale Forra del Cellina
  • Dislivello: variabile tra discesa e salita
  • Difficoltà: medio-facile
  • Consigliato per: trekking

Lago di Barcis, alla scoperta della natura

Lago di Barcis
Lago di Barcis, nel cuore della natura friulana

Un mix tra il verde ed il celeste con piccoli colpi di marrone che fanno irruzione tra gli alberi ed i sentieri.

Solo i colori del lago con le sue acque placide, degli alberi imponenti e delle costruzioni in legno e sasso che si inerpicano tra le viuzze circostanti l’invaso.

Questa la cartolina del Lago di Barcis dove sembra che il tempo si sia fermato. Ottobre e novembre i mesi ideali che godere di queste striature naturali che la Val Cellina ci offre per un affascinante viaggio di benessere per il corpo e la mente.

Per gli amanti dello sport che vogliano andare oltre la semplice escursione, varia è l’offerta a partire dalla mountain-bike attraverso i tanti percorsi ciclabili che arrivano fino ad altitudini elevatesi.

E poi ci sono gli sport acquatici come la vela, il surf, la canoa, il kayak e la motonautica per vivere il lago fino in fondo.

Noi di GoodTrekking vogliamo proporvi un’escursione semplice e adatta a tutti, da organizzare magari insieme alla famiglia unendo anche un piacevole pic-nic sulle sponde del lago.

Quello che seguiremo è il sentiero del Dint, un itinerario tematico che ci porta nel cuore della Riserva della Forra del Cellina.

Trekking sul Lago di Barcis lungo il sentiero del Dint

Lago di Barcis
Lago di Barcis, sul sentiero del Dint

Lungo il sentiero del Dint, un vero e proprio itinerario tematico corredato di cartelli e pannelli didattici che spiegano i visitatori le caratteristiche e le particolarità naturali e storiche della Riserva della Forra del Cellina.

Dopo una bella passeggiata lungo il lago, ci si dirige presso il Centro visite della Riserva Naturale Forra del Cellina. Da qui lungo la strada che segue la sponda del lago fino ad imboccare il sentiero vero e proprio che inizia a salire. Come abbiamo già specificato l’itinerario è semplice ma di grande interesse naturalistico e paesaggistico. Circa 3 chilometri e mezzo che portano, passo dopo passo, a tre piattaforme panoramiche per una bella vista sul lago di Barcis.

Fin da subito ci si immerge nei colori nella natura addentrandosi in un suggestivo bosco di faggeti. Si sale ancora un po’ fino ad arrivare ad una passerella metallica affacciata praticamente nel vuoto, un vero spettacolo! Un punto panoramico straordinario su tutto il lago e le montagne circostanti. Ma le sorprese non sono ancora finite. Si continua nel bosco seguendo le indicazioni del sentiero del Dint, fino al secondo punto panoramico. Da qui si domina tutta la Forra del Cellina e il territorio della Riserva Naturale. Continuando lungo il bosco carsico dove compare qua e là qualche abete rosso e qualche albero di tasso, si arriva al terzo e ultimo belvedere. Una scala metallica, simile ad una torretta, permette di salire ancora di qualche metro più in alto per ammirare e godere del panorama sulla forra del Cellina, il monte Fara fino all’abitato di Andreis.

Di qui si ritorna sui propri passi prima lungo il sentiero del Dint fino ad arrivare alla strada asfaltata, dritto fino al centro visitatori da dove siamo partiti.

Commenti

Francesca Bloise