App per il trekking: come usare il proprio smartphone durante un’escursione

Smartphone trekking shutterstock_557149864
Lo smartphone nel trekking: benefici e vantaggi della tecnologia

Le app per il trekking sono la risposta migliore al bisogno di tecnologia anche durante un’escursione. Se i puristi vi ricorderanno che bastano mappa e bussola, voi potrete ribattere dicendo che il vostro smartphone è altrettanto utile.

E se pensiate che queste app per il trekking siano inutili senza un WiFi nei paraggi, sappiate che molte non hanno necessariamente bisogno di una connessione internet (spesso assente negli spazi verdi più selvaggi, o alle altitudini più elevate) e che possono rivelarsi utili al di là di ogni aspettativa.

In questo articolo proveremo a guardare assieme alcune delle applicazioni più utili per un trekker, capaci di fornire sia una valida alternativa agli strumenti classici che una serie di comodità extra inimmaginabili fino a qualche anno fa.

App per il trekking: come scaricare le mappe

La app perfetta per il trekking
Lui è felice, perché ha trovato la sua app per il trekking ideale!

Come è facile intuire, il cellulare è un ottimo “contenitore” di cartine di ogni sorta ed esistono diverse app per il trekking che ci permettono di scaricare la mappa dell’area che intendiamo visitare, che poi ci permettono di avere un riferimento circa la nostra posizione grazie al semplice utilizzo del GPS: la stragrande maggioranza degli smartphone in circolazione ne ha uno integrato e la sua attivazione non dipende dalla presenza di una connessione dati.

Due delle applicazioni più celebri per questo particolare tipo di servizio sono “Oruxmaps” e “Locusmaps“: entrambe offrono sia la possibilità di consultazione online che quella di download, entrambe hanno sia una versione gratuita che una “pro”, ed entrambe permettono di creare un vero e proprio archivio sia dei propri percorsi che di tracce ed itinerari altrui.

Se utilizzate online, le due applicazioni permettono inoltre di ottenere diverse informazioni aggiuntive sull’area che intendiamo attraversare: dalla presenza o meno di precipitazioni alle temperature previste, dalla presenza di vento più o meno forte a quella di eventuali cali/picchi di pressione.

Detto ciò, esistono davvero tantissime app dedicate alle mappe ed alla localizzazione e vi basterà dare un’occhiata ai principali store per trovare quella che vi sembra più adatta alle vostre esigenze.

App per il trekking: dai raggi UV ai “trekking social network”

La app ideale per la tua esperienza di trekking
Ci sono molte app per il trekking: dalle mappe al meteo, scopri quella più adatta a te

Un aspetto particolarmente interessante per gli appassionati di escursioni è dato dalla possibilità di condivisione dei propri itinerari e di confronto con quelli degli altri utenti. Da questo punto di vista esistono diverse applicazioni dedicate allo sharing di dati relativi al trekking e, tra le tante, segnaliamo “Wikiloc” e “Viewranger“.

Si tratta di due app per il trekking che permettono di “agganciarsi” ad itinerari caricati da altri utenti (ancora una volta utilizzando il GPS per localizzarci), oltre ad offrire un’interessante possibilità di collegamento con la fotocamera dello smartphone per identificare eventuali vette circostanti.

Parlando invece in maniera più specifica di altre informazioni relative al territorio che intendiamo esplorare, possiamo dire che esiste una vera e propria infinità di applicazioni dedicate ad esempio alle previsioni meteorologiche: una particolarmente interessante per i trekker è “Meteoblue“, che offre immediatamente info utili quali la stima dell’irraggiamento UV o quella della temperatura percepita.

Commenti

GoodTrekking