Kayak alle porte di Roma, dove (e come) farlo al meglio

Kayak alle porte di Roma, dove (e come) farlo al meglio
Kayak alle porte di Roma, dove (e come) farlo al meglio

Roma è una delle città più grandi d’Europa, tutti la identificano come una città ricca di storia e di leggende antiche; ma questa grande città regala anche luoghi ed attività moderne che non tutti si aspetterebbero.

Oggi consiglieremo proprio alcuni luoghi dove poter praticare Kayak nella capitale italiana e potersi divertire ed affrontare avventure nuove con i propri amici oppure in solitaria. Ci sono diversi luoghi dove poter praticare Kayak alle porte di Roma, ne andremo a vedere tre nello specifico. Ricordiamo che i motivi per visitare Roma attraverso il Kayak possono essere molteplici: dall’esperienza unica nel suo genere, all’amore che si può provare per uno sport così poco praticato in Italia.

Il lago di Castel Gandolfo

Uno dei migliori tour organizzati per effettuare Kayak è sicuramente sul lago di Castelgandolfo; nella durata di tre ore, si potrà prendere parte ad una lezione preliminare sulle tecniche di pagaiata a terra. Nell’avventura vera e propria si verrà immersi in un luogo ricco di pace, che solo un lago può regalare; circondato da fauna e da flora che considerando la città romana, è veramente una rarità.

Castel Gandolfo ha come caratteristica principale il fatto di poter visitare durante la pagaiata diverse attrazioni; tra le più belle sicuramente ci sono le palafitte sommerse del Villaggio dei Mulini e i porti antichi delle ville romane. Tra le ville romane si consiglia di dare uno sguardo alla villa dell’Imperatore Domiziano, dove troverete diverse particolarità che non scriveremo qui per non rovinarvi l’esperienza. Il periodo che consigliamo di recarvi per il Kayak a Castelgandolfo è tra marzo ed ottobre, dato che i tour organizzati prevedono una sosta relax sulla spiaggia, raggiungibile solamente tramite Kayak. Ciò permetterà di poter far un bagno nelle acque incontaminate del lago.

Consigli utili

  • Miglior periodo per andare: tra marzo e ottobre.
  • Come raggiungere il luogo: in automobile si consiglia di fermarsi a Castel Gandolfo per poi proseguire a piedi.
  • Itinerario: si consiglia di affidarsi al Tour organizzato.
  • Clima: Roma è una città prettamente soleggiata, ci si munisca della classica attrezzatura per Kayak e non si abbiamo particolari remore.
  • Attrezzatura: un abbigliamento bel impermeabilizzato sono alla base per poter pagaiare.
Kayak alle porte di Roma: Lago Albano (Castelgandolfo)


Aniene: un fiume classico

Se non si ama particolarmente il suggestivo ambiente del lago, si può optare per il sempre verde fiume. A Roma lungo il fiume Aniene si può gustare il brivido dell’avventura. Qui c’è la possibilità di seguire sia i corsi di canoa che di Kayak, attraverso questi corsi si potranno conoscere i segreti del fiume Aniene. Si avrà la possibilità, attraverso le correnti, di imparare tecniche di pagaiata tra le sue belle ed insidiose rapide. Ricordiamo velocemente la differenza che c’è tra canoa e Kayak: nel Kayak la persona è seduta ed utilizza come strumento di spostamento una pagaia a doppia pala; mentre nel caso della canoa, la persona è inginocchiata all’interno dello scafo ed utilizza come fonte di spostamento una pagaia munita solo di una pala.

Consigli utili

  • Miglior periodo per andare: fine primavera, inizio estate fino ad ottobre. La città regala acque meno fredde e torbide in questo periodo dell’anno.
  • Luogo: Raggiungere il fiume è semplice, il centro garantisce diversi punti di entrata. Si consiglia l’uso dell’automobile.
  • Itinerario: i tour ed i corsi solitamente durano due ore e non hanno tappe particolari da organizzare.
  • Attrezzatura: la compagnia organizzatrice del tour sull’Aniene fornisce tutta l’attrezzatura per svolgere l’attività di Kayak. Si consiglia comunque di portare un cambio di vestiti completo, scarpe incluse.
Kayak alle porte di Roma: il fiume Aniene
“Aniene river flooded and Ponte Nomentano, Montesacro Rome, Italy- OTHER photos from Rome, Italy”

Kayak in centro

Non tutti ci avrebbero mai pensato, ma a pochi minuti dal centro di Roma esiste una struttura veramente all’avanguardia dove si può provare l’ebbrezza del canottaggio e del Kayak lungo tutto il Tevere. Il Salaria Sport Village è stato fondato nel 2005 e offre a tutti la possibilità di potersi inoltrare nel silenzio e nella quiete del celebre parco fluviale e godersi una giornata di sport senza doversi preoccupare di nulla. Offrono anche la possibilità di iscriversi a dei corsi specifici per imparare meglio le tecniche di pagaiata.

Consigli utili

  • Miglior periodo: Come scritto prima, Roma è una città dove difficilmente piove, ma si consiglia il periodo tra marzo e ottobre per andare sul sicuro.
  • Luogo: per raggiungere il villaggio sportivo ci sono diverse possibilità. Per chi vuole recarcisi con i mezzi pubblici, le fermate più vicine al luogo di arrivo sono sicuramente la fermata Salaria/Settebagni o la fermata Salaria/S. Antonio da Padova; con circa 5 minuti di passeggiata si potrà raggiungere l’inizio della propria avventura.
  • Itinerario: il Tevere ha una lunghezza di 40 Km, già di per sé è un itinerario bello lungo. I vari percorsi sono suddivisi per età anagrafica e per livello di conoscenza dello sport. Quindi bisognerà adattarsi al proprio livello di bravura.
  • Attrezzatura: tuta impermeabile e scarpe di ricambio, sono una prerogativa assoluta sempre.

Commenti

GoodTrekking

GoodTrekking