Trekking sull’Etna: accorgimenti e percorsi da seguire per un’escursione davvero incandescente

Emma Valenti  | 28 Feb 2024
Vista mozzafiato sull'Etna - IS: 1126050206

L’Etna, il maestoso vulcano attivo che domina il paesaggio della Sicilia orientale, in provincia di Catania, rappresenta una delle mete più affascinanti per gli amanti del trekking e della natura selvaggia. Con i suoi paesaggi lunari, le sue vaste distese di lava e i suoi crateri fumanti, l’Etna offre un’esperienza unica e indimenticabile per coloro che decidono di esplorarne i sentieri. In questo articolo, esploreremo gli accorgimenti necessari e i percorsi da seguire per un’escursione sicura e appagante sull’Etna.

L’Etna: una breve introduzione

Vista di un'eruzione in corso sull'Etna - IS: 1847061414
Vista di un’eruzione in corso sull’Etna

L’Etna è uno dei vulcani più attivi al mondo e si trova sulla costa orientale della Sicilia. Con i suoi 3.329 metri di altezza, è la montagna più alta d’Italia a sud delle Alpi. Il suo paesaggio unico è stato plasmato da millenni di attività vulcanica, con colate laviche, coni vulcanici e crateri che punteggiano il suo vasto territorio. L’attività vulcanica dell’Etna ha origine circa 500.000 anni fa, quando il vulcano iniziò a formarsi durante una serie di eruzioni esplosive e effusive. Nel corso dei millenni, l’Etna ha subito numerose eruzioni, che hanno contribuito a formare la sua forma attuale e il paesaggio circostante. L’Etna ha registrato numerose eruzioni nel corso della sua storia, alcune delle quali sono diventate famose per la loro intensità e devastazione. Una delle eruzioni più significative è stata quella del 1.669, quando una colata lavica distrusse la città di Catania e causò la perdita di migliaia di vite umane. Altre eruzioni memorabili includono quelle del 1.928, del 1.971 e del 2.002, che hanno causato danni significativi alle comunità circostanti e hanno attirato l’attenzione dei media internazionali.

Preparazione prima dell’escursione

Prima di intraprendere un’escursione sull’Etna, è fondamentale fare una preparazione adeguata. Ecco alcuni accorgimenti da tenere presenti:

  1. Informarsi sulle condizioni meteo e vulcaniche: l’Etna è un vulcano attivo e le condizioni meteorologiche possono cambiare rapidamente. Prima di partire, assicurarsi di controllare le previsioni del tempo e le informazioni sull’attività vulcanica.
  2. Equipaggiamento adeguato: portare con sé l’equipaggiamento adatto è essenziale per un’escursione sicura sull’Etna. Ciò include abbigliamento protettivo, scarpe da trekking robuste, acqua in abbondanza, cibo leggero e nutriente, kit di pronto soccorso e una mappa dettagliata dei sentieri.
  3. Acquistare un tour guidato o affittare una guida locale: se non si è escursionisti esperti o non si conosce bene il territorio, è consigliabile partecipare a un tour guidato o assumere una guida locale. Questo assicurerà una maggiore sicurezza e la possibilità di esplorare i luoghi più suggestivi dell’Etna in modo informato e sicuro.

I percorsi da seguire sull’Etna

Vista dall'alto del cratere Silvestri - IS: 584231342
Vista dall’alto del cratere Silvestri

Ci sono diversi percorsi escursionistici sull’Etna, ognuno con le proprie caratteristiche uniche e livelli di difficoltà. Ecco alcuni dei percorsi più popolari:

1. Rifugio Sapienza – Cratere Silvestri

Questo è uno dei percorsi più accessibili sull’Etna ed è adatto anche ai principianti. Il sentiero inizia dal Rifugio Sapienza, una delle basi principali per esplorare il vulcano. Da qui, si può camminare lungo un sentiero ben segnato fino ai crateri Silvestri, che offrono una vista spettacolare sul paesaggio lunare circostante e sulle colate laviche recenti.

2. Piano Provenzana – Grotta dei Lamponi

Questo percorso parte da Piano Provenzana, sul versante nord dell’Etna, e conduce alla Grotta dei Lamponi, una grotta formata da antiche colate laviche. Il sentiero attraversa boschi di pini e betulle prima di arrivare alla grotta, dove è possibile esplorare le formazioni rocciose e ammirare le vedute mozzafiato sulla valle sottostante.

3. Schiena dell’Asino – Monte Fontane

Per gli escursionisti più esperti, il percorso lungo la Schiena dell’Asino fino al Monte Fontane offre un’esperienza mozzafiato. Questo sentiero segue il crinale dell’Etna attraverso paesaggi spettacolari, passando per antichi crateri e fumarole vulcaniche attive. La vista panoramica dalla cima del Monte Fontane è semplicemente stupefacente e vale sicuramente lo sforzo dell’escursione.

4. Valle del Bove

La Valle del Bove è una vasta caldera vulcanica sul versante est dell’Etna. Questo percorso escursionistico offre la possibilità di esplorare la spettacolare geologia del vulcano e di ammirare le sue imponenti pareti di lava. Il sentiero attraversa paesaggi lunari davvero mozzafiato che rimarranno nel nostro cuore anche a distanza di anni a venire.

Conclusioni

Un’escursione sull’Etna è un’esperienza indimenticabile per gli amanti della natura e dell’avventura. Infatti, con i giusti accorgimenti e una buona preparazione, è possibile esplorare questo straordinario vulcano in tutta sicurezza. I percorsi escursionistici variano oltretutto in difficoltà e offrono una varietà di paesaggi mozzafiato da scoprire. Che tu sia un principiante o un escursionista esperto, c’è qualcosa sull’Etna che ti lascerà senza fiato.

Emma Valenti
Emma Valenti

Emma Valenti, della provincia di Trento, residente nel Parco Naturale dell'Adamello Brenta, da sempre appassionata di trekking e laureata in Beni Culturali. Promotrice del cammino meditativo, che ci aiuta a riappropriarci della centralità dell'anima.



Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur