In Piemonte c’è un’oasi meravigliosa costellata da alberi e rododendri: c’è anche un magico percorso di trekking

Adriano Bocci  | 26 Giu 2024
Oasi Zegna - Conca dei Rododendri dall'alto

Il caldo è arrivato, il sudore pure e la voglia di rimanere col condizionatore anche, e così sarà per diversi mesi. Lungi da noi GoodTrekkers, però, restare fermi: considerate che in Piemonte tra le Alpi Biellesi (Biella) c’è un’oasi meravigliosa che incanta. Quella che è chiamata Oasi Zegna è una scenografica riserva piena di rododendri.

Un’area montana protetta, con tanto di trattamenti benessere, sentieri nei boschi, cose da fare all’aperto ed eventi. E sì, sentieri: fra le troppe cose per cui rimanere a bocca aperta, ce n’è uno particolarmente magico che ci passa panorami mozzafiato sulla Valsessera e sul Monte Asnas tra i prati fioriti. Chi è con noi?

Rododendri a non finire all’Oasi Zegna nella Conca dei Rododendri

Oasi Zegna - Conca dei Rododendri da vicino
La Conca dei Rododendri, da vicino (Oasi Zegna)

Piccola grande informazione di servizio: se non sapete con chi andare, potete coccolosamente aggiungere quattro zampe. 100 km2 tra Trivero Valdilana e la Valle Cervo, ma premiata con l’Animal Travel Award 2024 nell’ultimo QuattroZampe in Fiera. “…consente ai visitatori di esplorare liberamente la sua bellezza senza restrizioni per gli animali domestici…” (GIST, fonte). La prima cosa da segnalare fra i percorsi dell’Oasi Zegna è sicuramente il percorso della Conca dei Rododendri (in copertina), una camminata molto leggera che è adatta a tutti.

Disabilità motoria inclusa e ottima per le famiglie (con area pic-nic della Cascina Caruccia) sta a 5 km da Trivero (indicazioni qui) e da maggio a giugno è piena di colori. Dagli anni venti Ermenegildo Zegna (lo stesso dell’omonima casa di moda Zegna) decise di piantare più di 500.000 conifere e centinaia di fiori come ortensie, azalee e un sacco di rododendri belga. Le piante furono messe negli anni ‘60 nella conca, assieme a faggi rossi, spiree, camelie, frassini ed altro in modo da tenerla colorata tutto l’anno, come ogni giardino che si rispetti.

C’è un percorso ad anello semplice semplice di un chilometrino con la Conca dei Rododendri, che dura un’oretta e con un dislivello di 135m. Il segnavia dei sentieri è il L5. Parte dal Centro Zegna di Trivero e porta fin lì, ma l’accesso al percorso si può fare anche da Baso. Nelle vicinanze ci sono vari servizi per il cibo e per il pernottamento.

Il percorso di trekking più bello dell’Oasi Zegna: la Bonom Trail

 

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Max🔄Ste I Esperienze outdoor e tradizioni (@secondavita51.20)

Impegnativo? Sicuro. Panorami? Anche. Rododendri? Pure. I silenzi e i suoni delle montagne? Inclusi nel prezzo. Quella che si conosce meglio come la Bonom Trail è il percorso piùmmeglio che l’Oasi Zegna ha da offrire, il percorso 17. È il giro del Bonom, un percorso che si fa, in quest’ordine:

  • Il Bocchetto di Sessera
  • Monticchio
  • Colma Bella
  • Cima del Bonom
  • Bassa del Campo
  • Artignaga
  • Alpe Montuccia
  • Bocchetto di Sessera

È un percorso di 13 km da fare in 4 ore, col punto di partenza dal Bocchetto di Sessera (altitudine 1.373 metri) e col punto più alto alla Cima del Bonom a 1.877 metri s.l.m. L’ascesa è di 800 metri e troveremo panorami meravigliosi (oltre a tanti arbusti). Il fondo è un sentiero carreggiabile, ma ricordate: l’unica fonte d’acqua sta all’inizio, alla Locanda Bocchetto Sessera (indicazioni qui), vicinissima al Bosco del Sorriso (una delle varie opzioni della zona dove fare forest bathing).

Dal parcheggio della locanda si sale la scala e si prende il percorso 17 verso la Cima del Monticchio. Superata quella, si continua col sentiero in cresta verso la Cima del Bonom, ma al primo bivio nella discesa si deve prendere il sentiero di destra verso l’Alpe La Bassa. Fatto ciò si arriva alla carreggiabile. Da qui andate verso destra per finire l’anello e passare per l’Alpe Montuccia, tenendo la carreggiabile per il ritorno al Bocchetto di Sessera. A tal proposito: se avete bisogno di sapere dove mangiare all’Oasi Zegna, quasi per combinazione, c’è la Locanda Bocchetto Sessera o l’Agriturismo Alpe Montuccia, ma anche lo Chalet Bielmonte (rifatto da poco, sempre in zona, indicazioni qui) o al Rifugio di Monte Marca (indicazioni qui).

Eventi dell’Oasi Zegna

Escursione con le Alpi italiane in estate - vista dall'Oasi Zegna, provincia di Biella
Le Alpi in bella vista dalle vicinanze

L’Oasi Zegna spesso propone eventi di vario tipo. Su questa pagina trovate i prossimi eventi: qui si possono trovare escursioni di vario genere come quella lungo l’Anello della Cesira (qui), concerti con artisti vari (come Emiliano Toso, nel suo concerto Spirito Libero a luglio, info qui) o il dog hiking con esperti cinofili il 13 luglio (info qui). Il più famoso fra tutti però è la Oasi Zegna Trail, una maratona annuale che si è conclusa il 9 giugno (info qui) con salite e discese per i panorami della Valsessera. Questa tredicesima edizione si è vista i panorami del Monte Rosa, del Monviso e la Pianura Padana con 3 tracciati: uno da 70 km, uno da 35 km e uno da 15 km.

 

Adriano Bocci
Adriano Bocci


Articoli più letti

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur