Casco e bici, quando è obbligatorio e quali modelli scegliere | GoodTrekking

Casco e bici, quando è obbligatorio e quali modelli scegliere

Maria Bolettieri  | 27 Apr 2023

Il casco da bici, anche se non obbligatorio è ormai un equipaggiamento fondamentale per chiunque voglia divertirsi pedalando in sicurezza e nel rispetto delle regole.
La normativa del Nuovo Codice della Strada, D.L. n. 285 del 30 aprile 1992, che definisce la bicicletta come mezzo appartenente alla categoria dei velocipedi, non indica l’utilizzo del casco per questo tipo di veicoli. Negli ultimi anni gli incidenti sono diventati sempre più frequenti e il
PNSS 2030 (Piano Nazionale Sicurezza Stradale 2030) si è posto, fra gli obiettivi, quello di rendere le strade più sicure anche per i ciclisti.
Anche se chi non lo porta non va incontro a sanzioni, tuttavia,
è sempre consigliabile indossare il casco da bici sulle due ruote, specialmente se si circola su strade trafficate o in condizioni di circolazione pericolose!

Quando è obbligatorio il casco in bici?

casco_ bici_ obbligatorio_177115370
Sebbene il dibattito sia ancora in corso e si attendono aggiornamenti in merito al Nuovo Codice della Strada l’utilizzo di dispositivi che proteggono la testa, al momento, non è previsto neanche per i minori.
Infatti la bozza precedente alle ultime modifiche entrate in vigore, che ipotizzava l’uso del casco da bici obbligatorio per i ragazzi al di sotto dei 14 anni, non era stata approvata e ad oggi nessuna legge lo impone.
La domanda che ci poniamo è
Cosa è obbligatorio avere sulla bicicletta?”. Certamente il ciclista che vuole rispettare la normativa deve dotare la bici di freni, campanello, luci di segnalazione anteriori e posteriori e non possono mancare i vari catarifrangenti.
In merito ai dispositivi di sicurezza aggiuntivi l’art. 182 comma 9-bis conferma che chiunque circoli con un velocipede fuori dai centri abitati, da mezz’ora dopo il tramonto a mezz’ora prima dell’alba, oppure in gallerie, ha il dovere di indossare
giubbotto o bretelle retroriflettenti.
Per quanto riguarda il casco da bici, che sia obbligatorio o meno, sappiamo che indossarlo è davvero importante sia per i bambini che per gli adulti. Per questo consigliamo di usarlo sempre e soprattutto di tenerlo allacciato bene!

Come scegliere un casco per la bici?

casco_ bici_ obbligatorio_1323592877
Esistono diversi modelli di casco da bici, suddivisi in base all’utilizzo che se ne vuol fare e alle caratteristiche tecniche. In generale, abbiamo caschi per il ciclismo su strada, quelli adatti alla mountain bike e i caschi per bici elettrica. Sul mercato esiste un’ampia gamma di caschetti, alcuni dispongono di caratteristiche aggiuntive come la visiera e la ventilazione, mentre altri sono più leggeri e aerodinamici.
Dagli esemplari base a quelli più accessoriati, è sempre consigliabile scegliere caschi che rispettino gli standard di sicurezza stabiliti dalle normative europee.
Anche se in Italia il casco da bici non è ancora obbligatorio, lo potrebbe diventare, e pertanto non facciamoci trovare impreparati all’acquisto! 

I fattori da considerare nella scelta del casco da bici

casco_ bici_ obbligatorio_2149543509
Come scegliere il casco da bici? Che voi utilizziate questo mezzo per gli spostamenti in città, su strada, per le escursioni in MTB o amiate pedalare con i vostri bambini, acquistare un casco non è cosa da poco.
Per rendere la nostra attività outdoor ancor più sicura, scopriamo insieme quali sono i fattori da considerare nella scelta:

  • comfort: scegliete una taglia e un modello che si adattino bene alla vostra testa. La calotta interna inoltre deve essere rivestita di materiali che proteggono durante gli urti;
  • grado di leggerezza: l’ideale sarebbe un casco che non pesi più di 300 grammi. Il peso infatti è fondamentale per uscite lunghe per non incorrere in dolori vari. Oggigiorno i materiali usati per la calotta esterna, come la fibra di carbonio e il policarbonato, sono sempre più leggeri e resistenti;
  • sicurezza: l’omologazione con sigla CE è fondamentale, solo questo simbolo indica che il casco è sicuro. Sul casco da bici è altresì obbligatorio che vi siano elementi di fissaggio e cinturini regolabili per proteggere dagli impatti tenendolo più saldo alla vostra testa;
  • visibilità: anche le bande riflettenti e le luci led posteriori giocano un ruolo importante soprattutto per i ciclisti che pedalano con scarsa visibilità;
  • ventilazione: è necessario che la testa sia sempre areata grazie ai filtri che impediscono il ristagno del sudore e del calore.


Quali sono i migliori caschi da bici? Ecco alcuni marchi tra cui poter scegliere:

Leggi anche MTB, gli accessori indispensabili da montare sulla tua bici!

Maria Bolettieri
Maria Bolettieri

Lucana di nascita e nomade per vocazione, ama viaggiare a 360°. Da sempre affascinata dalla scrittura e dal mondo del turismo, ha realizzato itinerari e audioguide per diversi Tour Operator, agenzie di viaggio e musei. Come web editor racconta le sue passioni (Travel, Food e DIY) collaborando con blog a tema. Dal trekking urbano alle passeggiate nella natura, è sempre un buon momento per godere della bellezza che ci circonda e trasmetterla con le parole.



Ultimi Articoli

©  2024 Valica Spa. P.IVA 13701211008 | Tutti i diritti sono riservati.
Per la pubblicità su questo sito Fytur