Torcia, l’accessorio per “illuminare” il tuo trekking

Torcia
Torcia: uno strumento indispensabile durante un'escursione in notturna

Per chi apprezza la vita all’aria aperta, vi sono degli strumenti che dovrebbero essere sempre presenti all’interno dello zaino sia per migliorare la qualità delle escursioni ma in particolare anche la sicurezza.

Tra questi oggetti si deve considerare la torcia, indispensabile per poter viaggiare di notte, oppure vivere la natura al calare del sole.

Scegliere il miglior prodotto può essere importante. Ma quali sono le caratteristiche di una torcia? In questo articolo andremo ad evidenziare gli aspetti principali per una giusta valutazione.

La torcia elettrica: uno strumento per vivere la natura

La torcia elettrica è uno strumento che può avere forme differenti in base al modello. È un oggetto che combina praticità e semplicità nell’utilizzo grazie alle nuove tecnologie e a una struttura che può essere facilmente impiegata in ogni momento. Il fascio luminoso varia in base ai diverse tipologie, così come i materiali che vengono impiegati, e che la rendono uno strumento ultra leggero e facilmente trasportabile.

Le torce sono composte da una struttura centrale che è il corpo che contiene una batteria, e una parte anteriore, la testa nella quale è situato il sistema luminoso.

Un pratico pulsante permette di effettuare l’accensione e lo spegnimento. I materiali impiegati sono per lo più l’alluminio o particolari polimeri che non solo la rendono resistente agli urti, ma anche ultraleggera.

Inoltre le torce da escursionismo sono caratterizzate da un’alta resistenza agli elementi, quindi hanno una camera stagna che permette di mantenere all’esterno l’umidità.

L’evoluzione di questo strumento

Le case costruttrici hanno determinato un’evoluzione della torcia per il trekking combinando tutte le tecnologie innovative al fine di renderla non solo uno strumento indispensabile, ma anche funzionale.

L’attenzione si è posta su alcuni aspetti e in particolare sulla forma ergonomica e funzionale, sul peso e l’ingombro, la durata della batteria e il raggio luminoso.

I modelli

I modelli presenti sono veramente tanti, ma possono essere ricondotti a due tipologie: le torce frontali e quelle da mano.

Nel primo gruppo si considerano i prodotti che prevedono una comoda cinghia la quale può essere facilmente posta intorno alla testa dell’escursionista o montata sul casco. In questo modo si otterrà una luce diretta dall’alto, che permette una visione anche più ampia, ma lasciando le mani completamente libere.

Le torce invece a impugnatura, possono essere di dimensioni più grandi, ma come indica il nome, obbligano l’escursionista a dovere occupare una mano.

La misura

Ingombro e peso sono due fattori che hanno influenzato moltissimo l’evoluzione delle torce dato che avere uno strumento che permetta di illuminare la propria strada e che non occupi molto spazio all’interno dello zaino può essere vantaggioso.

Inoltre se allo spazio minimo si aggiunge anche un peso, può essere una realtà indispensabile quando si portano molti chili sulle spalle e per parecchi chilometri.

Le nuove torce sono più piccole e leggere e questo ha permesso di sviluppare per esempio i modelli frontali per la testa e il casco.

Raggio luminoso

La tecnologia a LED, acronimo con cui si identifica il Light Emitting Diode, ha rivoluzionato in maniera esponenziale le torce, sostituendo le vecchie lampadine e riducendo lo spazio necessario per il posizionamento della fonte luminosa, portando alla creazione di strumenti sempre più compatti. Il LED permette di avere una luce di qualità con una capacità luminosa molto elevata.

Grazie alle dimensioni ridotte è stato possibile anche aggiungere più fonti luminose in una stessa torcia in modo da poter creare degli strumenti che possono essere regolati con diverse intensità.

La tipologia di batteria

Le torce moderne grazie ai LED consumano meno energia, dato che la tecnologia dei nuovi diodi permette un risparmio energetico anche fino al 90% rispetto ai modelli a luce incandescente con una durata maggiore delle batterie.

La torcia può essere alimentata: a batteria stilo o a ioni di litio. Nel primo caso si prevedono all’interno del corpo due o tre mini stilo e una durata che varia in base al modello di parecchie decine di ore. Nel secondo caso invece la torcia porta una batteria a ioni di litio, che potrà essere ricaricata sia collegandola alla corrente oppure tramite porta USB a un computer o una powerbank.

La differenza sostanziale è nella qualità della luce. Infatti quasi sempre le batterie durano di più nel tempo, ma scaricandosi, si determina un abbassamento dell’intensità luminosa che apparirà più debole.

Le torce a ioni di litio possono essere poste sotto carica ogni volta che potete, in modo da avere una qualità sempre elevata della luce. Nei nuovi modelli è presente un segnalatore di carica, con delle comode tacchete in modo da indicare quando sostituire la batteria o metterla sotto ricarica.

Torcia: i migliori modelli

Petzl Tikka RXP

Modello di torcia frontale, molto compatto e dalle caratteristiche che la rendono non solo molto facile da utilizzare ma anche molto potente. Pesa solo 86 g compreso tre batterie ricaricabili che sono contenute all’interno della confezione. La distanza massima di illuminazione è di 60 m con una durata massima di ricarica di 240 ore. Supporta una cinghia circolare da posizionare intorno al casco oppure sulla testa. Il prezzo si aggira intorno ai 90 €.

Pro

– porta un unico tasto superiore per accenderla e spegnerla;
– possibilità di regolare tre livelli di luminosità: in prossimità, visione a distanza o in lontananza;
– impermeabilità;
– visione notturna rossa.

Contro

– supporta solo il cinturino laterale e anche quello superiore;
– il prezzo è leggermente alto.

Soonfire Vs37

La torcia è realizzata con una scocca di alluminio, molto leggera e resistente agli urti. La testa contenente la lampada a LED, è leggermente allargata in modo da offrire la massima luminosità. L’accensione e lo spegnimento è molto pratico grazie a un comodo pulsante posto sulla parte anteriore. Supporta una batteria ricaricabile a ioni di litio ad alta capacità che permette una durata di 369 ore o quindi giorni continui a basso consumo. Il costo è molto competitivo con i suoi 49 €.

Pro

– distanza massima del fascio 367 m;
– impermeabile fino a 2 metri;
– ricaricabile;

Contro

– la durata della batteria è leggermente limitata rispetto ad altri modelli;
– il sistema di regolazione della luminosità con un unico pulsante a volte non è semplice da impiegare.

Fenix UC35 V2.0

Torcia dalle dimensioni molto compatte con 150 mm di lunghezza e 25 mm di diametro ed estremamente leggera con i suoi 145 grammi inclusa la batteria a litio. Si ricarica attraverso un cavetto USB che può essere facilmente collegato al computer o a una presa di corrente. L’estetica è molto accattivante con il colore nero. L’accensione avviene con un pulsante posteriore molto pratico e comodo. Inoltre prevede un sistema di regolazione della luminosità in cinque livelli: turbo, alta, media, bassa ed eco. Il fascio di luce può arrivare fino a 1.000 lumen. Il costo si aggira intorno ai 90 €.

Pro

– regolazione delle intensità luminose;
– nella modalità eco ha una durata eccezionale con più di 150 ore;
– impermeabile e resistente agli urti.

Contro

– la distanza massima è di 266 metri leggermente minore rispetto ad altri modelli;
– se utilizzata nella modalità turbo l’autonomia è di solo mezz’ora.

Commenti

GoodTrekking

GoodTrekking